Réunion de Musiciens alla Biblioteca Vaccheria Nardi

Con “Baroque Ensemble” sabato 14 novembre 2015
di Federico Carabetta - 5 Novembre 2015

L’Associazione “Anton Rubinstein” Scuola di Musica annuncia un nuovo concerto, nuovamente prezioso, e per il repertorio, quanto per gli esecutori.

Per i conoscitori ed amanti della musica immortale, un concerto della Rubinstein è sempre un avvenimento magnifico. Magnifico e splendido da non lasciarsi scappare; un avvenimento di una tale portata che difficilmente sarebbe godibilie gratuitamente e … sotto casa o quasi.

download-6-150x150L’appuntamento è per Sabato 14 novembre 2015, alle 10.30, allorquando la grande sala della Biblioteca Vaccheria Nardi, tornerà a mostrare la sua insospettabile buona acustica per il concerto “Baroque EnsembleRéunion de Musiciens. Si esibiranno gli artisti Luigi Tufano, traversiere, Giovanna Barbati, viola da gamba e Vera Alcalay, clavicembalo.

In  programma: Quatriéme Suite-Sonate (Jacques – Martin Hotteterre 1684-1763) per traversiere e basso continuo, Folies D’Espagne (Marin Marais 1656-1728), per viola da gamba e basso continuo, Sonata per traversiere e basso continuo (Leonardo Vinci 1690 – 1734) Adagio, Allegro, Largo-Presto, Pastorella, Sonata a tre TWV 42:A7 (Georg Philipp Telemann 1681 – 1767) per traversiere, viola da gamba e basso continuo Andante, Allegro, Adagio, Allegro.

L’ingresso al concerto è libero e gratuito.

Luigi Tufano – Napoletano di nascita, compie gli studi musicali presso il Conservatorio “S.Cecilia” di Roma e il Conservatorio “Dell’Abaco” di Verona. Tra i suoi maestri G.Graverini, M.Ancillotti e K.Klemm per il traverso moderno; Sergio Siminovich, Marcello Gatti, Barthold Kujiken, Kate Clark e Marcello Castellani per quelli antichi (traversa rinascimentale, traversiere e flauto classico a 8 chiavi). Giovanissimo si aggiudica diversi concorsi nazionali ed è finalista al concorso internazionale di Stresa. Negli anni ’80, parallelamente alla sua attività solistica con gli strumenti storici, collabora con alcune prestigiose orchestre tra le quali l’Orchestra Sinfonica della RAI di Roma, il Gruppo Strumentale “Musica d’Oggi”, l’Orchestra Barocca del Gonfalone, ecc. Già dagli anni del conservatorio inizia la pratica dei flauti storici che lo porterà ad effettuare numerose registrazioni per la RAI e per la Radio Vaticana, incisioni poi trasmesse in programmi dedicati al flauto o al repertorio cameristico della musica antica (Telemann, “Quartetti Parigini”, Sonate a Tre Flauto, Viola da Gamba e Basso Continuo, ecc); dal 2009 tiene concerti in Italia e all’estero con le sue attuali formazioni cameristiche: “Quartetto Cimarosa”, “Reunion de Musiciens”, “Emphasis”, “Fiffari Aquilani”. Insegna flauto e flauto traversiere presso il conservatorio “Alfredo Casella” dell’Aquila.

Giovanna Barbati – Violoncellista e violista da gamba, è interprete del repertorio musicale antico così come di quello contemporaneo. Si esibisce spesso come solista e ha interpretato numerose prime esecuzioni di composizioni per violoncello, di cui molte scritte per lei. Suona il repertorio barocco e il repertorio moderno e contemporaneo, con particolare attenzione alle donne compositrici. Collabora da molti anni come primo violoncello con l’Orchestra barocca e classica “Academia Montis Regalis”, con direttori quali: Alessandro De Marchi, Ton Koopman, Sigiswald e Barthold Kuijken, Jordi Savall, Christopher Hogwood e altri. Sempre come primo violoncello ha collaborato anche con la “Accademia Bizantina” diretta da Ottavio Dantone, “Les Talens Lyriques” diretti da Christophe Rousset, “Il Complesso Barocco” diretto da Alan Curtis e la “Real Companìa Òpera de Càmara” diretta da Juan Bautista Otero; attualmente con “Il Concerto de’ Cavalieri” diretto da Marcello Di Lisa. Ha partecipato a numerosi concerti cameristici per importanti rassegne in Europa e America.

Vera Alcalay

Adotta Abitare A

Nata a Santiago del Cile, ha fatto i propri studi musicali a Roma, dove si è diplomata in pianoforte sotto la guida di Adalberta Spada; in seguito ha intrapreso lo studio della composizione, diplomandosi in musica corale e direzione di coro. Ha conseguito il diploma di clavicembalo sotto la guida di Paola Bernardi e ottenuto il biennio specialistico in ‘Maestro al Cembalo’ con lode presso il Conservatorio di S. Cecilia. Ha collaborato, come curatrice delle collane Esacordo e Tastar del corde (con K. Gilbert), con la casa editrice Ut Orpheus di Bologna. È titolare della cattedra di Clavicembalo e tastiere storiche presso il Conservatorio Statale di Musica ‘N. Piccinni’ di Bari.  Svolge attività concertistica come solista e in gruppi cameristici e orchestrali, collaborando con solisti di primo piano. Ha effettuato registrazioni per la RAI e la Radio Vaticana nonché incisioni discografiche per la Fonit Cetra e la Brilliant.

Un cenno sul  “traversiere”: il traversiere in “re” è un flauto traverso di legno elaborato al diapason 440 Hz a 20°. Lo strumento ha un suono forte e ben timbrato, adatto ai flautisti che hanno bisogno di un flauto a 440. Utile sia nel repertorio barocco che in parte di quello classico.

 

La Sposa di Maria Pia

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti