Rilancio Commercio a Roma

Bordoni: "nuovo Centro Carni e Mercato dei fiori tra i progetti in cantiere"
Enzo Luciani - 5 Maggio 2009

“Per il rilancio del commercio a Roma abbiamo molti progetti in cantiere”. Lo ha detto l’Assessore alle Attività Produttive, Davide Bordoni, intervenuto stamane all’Assemblea di Confesercenti, nel ricordare progetti come “il nuovo centro Carni presso il Car e un mercato dei fiori nell’area che si estende tra via della Magliana e via Aurelia”.

“Si tratta di costruzioni che non penalizzeranno le strutture esistenti e le aree urbane dove sorgeranno”, ha precisato Bordoni, aggiungendo che: “il commercio e l’artigianato sono fondamentali per il rilancio della Capitale, in quanto rappresentano dal 30 al 40% dell’economia romana”. L’assessore, che ha approfittato dell’occasione per fare gli auguri al neoletto presidente provinciale di Confesercenti, Valter Giammaria, ha sottolineato come “attraverso il dialogo con il tessuto sociale e produttivo si possano realizzare importanti progetti e lavorare insieme per il futuro e la crescita della città”.

L’assessore ha anche fatto un bilancio delle attività del suo assessorato in questo anno di Giunta. “ Abbiamo preso misure concrete a favore del commercio – ha detto – come il regolamento per le pubblicità e le insegne commerciali, che permette di ridurre i tempi di attesa fino a 30 giorni e di contrastare con efficacia l’abusivismo. Sono stati approvati i nuovi orari per le attività artigianali che vendono beni di propria produzione e le aperture domenicali e festive per gli esercizi commerciali del Centro Storico, del Litorale e delle aree turistiche della Capitale. Inoltre, abbiamo dato il via al piano di riqualificazione dei mercati rionali di Roma, tra cui l’apertura del mercato Andrea Doria, con il bando per l’assegnazione di nuovi posteggi che ampliano gli spazi agli operatori commerciali”.

Per combattere la crisi, secondo l’ Assessore “ci sono 8 milioni di euro dei fondi di garanzia che il Comune di Roma ha stanziato a favore delle piccole e medie imprese, oltre a un bando di 3.6 milioni di euro a sostegno dell’imprenditorialità per le zone periferiche”.

“Attraverso lo Sportello Unico – ha concluso – si potrà dare impulso all’economia, accorciando i tempi delle pratiche burocratiche e supportando l’imprenditore o il commerciante in tutte le sue esigenze. Sarà poi garantito un contrasto sistematico all’abusivismo commerciale, anche attraverso la legalità partecipata con la collaborazione tra commercianti e Forze dell’Ordine”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti