Riparte E…State in Rock Arte&Musica senza Perimetro

Una manifestazione musicale per giovani artisti emergenti
Anna Maria de Sclavis - 22 Maggio 2021

Dopo un 2020 segnato dalla pandemia e dai lockdown, E…State in Rock Arte&Musica senza Perimetro, martedì 1 giugno 2021 alle ore 20.00 a The Village in via del Turano 44, zona La Rustica riparte da un luogo nuovo, una strada non battuta che ospiterà, grazie anche alla collaborazione di Tony Piccirillo della Music Lovers. Tony che, ormai da tanto tempo, apprezzando la semplicità e gli obiettivi di , E…State in Rock offre sempre un aiuto a livello tecnico.

La Giuria sarà composta dal docente del Centro Studi Atelier Centodue di Torpignattara (come nell’ultima edizione del 2019), M° Caterina Santi e dal M° Laura Tommassini, Direttore del Coro I Fa diesis della Parrocchia San Cleto, del quartiere San Basilio.

Evento sarà anche su Facebook https://www.facebook.com/events/533330617684863?ref=newsfeed

I partecipanti di quest’anno sono:

i solisti:

AURORA TEBALDI, DA Vì, NELLA, INFINITO, OCEANO

Il gruppo SILKY HEARTS

e il vincitore della precedente edizione, FEDERICO MATANO

 

Era il 2012 quando in un cortile parrocchiale, in occasione della festa dei Santi Patroni, si affaccia l’idea di dare spazio ai giovani musicisti del quartiere; nasce cosi All’Ombra del Mausoleo creata da E…State in Rock Arte&Musica senza Perimetro, una manifestazione musicale per artisti emergenti.

Non estate ma E….STATE, nel senso di stare dentro, gettarsi a capofitto dentro la meraviglia della musica.

Il nome dell’evento è dovuto al fatto che le prime manifestazioni si sono svolte sotto al Mausoleo di Sant’Elena nel quartiere di Torpignattara, nel cortile della parrocchia dei SS. Marcellino e Pietro ad duas lauros.

Nel corso degli anni, le manifestazioni non sono state sempre competitive, si sono svolte anche in alcuni locali di Roma dove i ragazzi e le ragazze, ognuno appassionato di musica diversa, hanno potuto comunque esibirsi in piena libertà, esprimendo ognuno le loro potenzialità senza paura di giudizio né di critiche gratuite.

Questo poter suonare insieme, tra ragazzi giovani con diverse specificità e passioni musicali, ha fatto si che si creasse anche un sereno rapporto quasi di amicizia, di sostegno reciproco, che si è potuto notare anche, e non solo, con lo scambio di materiale tecnico per evitare che qualcuno, in difficoltà, non potesse suonare rimanendo escluso.  Quando noi organizzatori abbiamo visto queste cose cosi rare abbiamo capito che eravamo sulla strada giusta per raggiungere l’obiettivo. Sane competizioni nascono dalla genuinità del messaggio educativo che viene fornito ai ragazzi, che non vengono contrapposti tra loro ma semplicemente messi  a confronto, in modo che si crei uno scambio di informazioni cosi da essere utili l’uno all’altro.

Abbiamo avuto subito un grande riscontro lungo gli anni con più di 100 adesioni di ragazzi e ragazze che, con semplicità, hanno accettato di mettersi si a confronto tra di loro ma, soprattutto, con una giuria che aveva ed ha tutt’ora la particolarità non di limitarsi a giudicare i ragazzi eleggendo un vincitore a fine manifestazione ma quella di formare i ragazzi, dando loro consigli che possano farli migliorare.

Vengono cosi messi in evidenza i punti forti di tutti i ragazzi partecipanti  ed anche le loro carenze cosi che, alla fine della manifestazione, possano portare via con loro un bagaglio di informazioni che li aiuti a crescere come musicisti e artisti in genere.

Per far si che tutto ciò si realizzi, lo spettacolo viene articolato in modo che, alla fine di ogni esibizione l’artista o gli artisti che si sono appena esibiti, abbiano un dialogo con la giuria, formata da Maestri e Maestre qualificati, che si dedicano all’insegnamento nelle diverse scuole di musica dei loro territori.

Ci sono dei criteri di valutazione che  verranno forniti sia alla giuria per la valutazione delle varie esibizioni sia ai ragazzi, cosi che abbiano tutti gli stessi punti di partenza nella loro preparazione allo spettacolo: impatto emotivo, scrittura e tecnica musicale, testo e parole originalità e accuratezza per cover o inediti, presenza musicale sul palco. Una volta che i ragazzi hanno ricevuto queste basi su cui lavorare è iniziato il nostro stimolo alla autoformazione.

Macelleria Colasanti

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti