A Palazzo Venezia una mostra dedicata a Francesco Cozza

Un calabrese a Roma tra classicismo e barocco
di Alvaro Colombi - 27 Novembre 2007

Il 23 novembre scorso è stata inaugurata a Roma, presso la Sala Regia e la Sala delle Battaglie di Palazzo Venezia, la mostra dedicata a Francesco Cozza, pittore calabrese del Seicento allievo del Domenichino. Si protrarrà fino al 13 gennaio 2008.

L’esposizione, promossa dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali sotto l’Alto patronato del Presidente della Repubblica e curata da Claudio Strinati, Soprintendente del Polo Museale Romano, intende mettere in luce l’opera del pittore calabrese attraverso ventidue opere certe (vale a dire firmate, documentate, citate dalle fonti antiche e incontestabilmente attribuite), in modo da porre in evidenza con facilità il suo stile e l’apporto reale dato al variegato mondo artistico romano seicentesco.

Tra le opere presenti, provenienti da tutta Italia, emergono senz’altro le bellissime tele raffiguranti la Madonna del Riscatto, custodita nel refettorio del Collegio Nepomuceno di Roma, e la Madonna col bambino tra i Santi Gioacchino e Anna della chiesa di S.Egidio a Montalcino. Si tratta di due dipinti in cui si avverte chiaramente la transizione dalle posizioni classicistiche iniziali (domenichiane) verso un linguaggio più aperto agli sviluppi bolognesi e del barocco romano.

Altra opera da segnalare il Ritrovamento di Mosè, dei Pii Stabilimenti di S.Maria in Aquiro, cui fa da sfondo un paesaggio sensibile alla poetica di Dughet e di Salvator Rosa.

Per chi non s’accontenta della mostra (ventidue opere, in effetti, non sono molte) e vuole approfondire la conoscenza di Cozza c’è un ampio catalogo. Edito da “Rubbettino” e finanziato dall’assessorato alla cultura della Regione Calabria la pubblicazione raccoglie l’intera produzione artistica del pittore.

La mostra sarà completata da un convegno che si terrà a fine gennaio a Valmontone, in quel Palazzo Pamphili sede degli stupendi affreschi realizzati da Cozza tra il 1658 e il 1659.

Orario della mostra: tutti i giorni, escluso il lunedì, dalle 10.00 alle 19.00.
Ingresso: € 7, ridotto € 4,50, ridotto per scolaresche € 3.00.
Per visite guidate e servizio didattico contattare “Mirabilia Urbis” al numero telefonico 06.45433723.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti