A piedi e in sicurezza da Tor Tre Teste a Torre Maura: missione impossibile

Abbiamo camminato per voi lungo il percorso, documentando con foto
Attilio Migliorato - 19 Febbraio 2021

Può un essere umano, in sicurezza e ammirando il paesaggio circostante, percorrere a piedi il tratto che da Tor Tre Teste, via Viscogliosi, fino a Torre Maura?

Un tratto peraltro bellissimo e che era destinato a congiungere con la “favolosa” Francigena il parco di Tor Tre Teste con quello della Mistica, il cui cancello ,chiuso, sbarra ancora oggi, dopo tante chiacchiere e promesse, il passaggio impedendo il godimento  del tracciato lungo l’Acquedotto Alessandrino.

Ma iniziamo il sopralluogo. Seguitemi. Superata Via Tor Tre Teste imbocchiamo via Lanari. Il marciapiedi di destra  in direzione di via Valter Tobagi è, per primi metri, pulito e agibile.

Poi, fiancheggiando il tiro con l’arco, possiamo solo dire sconsolati: c’era una volta un marciapiede.

Arrivati all’angolo tra via Lanari e via Tobagi verso la Casilina, ad accoglierci solo alta vegetazione, alberi, arbusti, immondizia che coprono il defunto e sepolto marciapiede.

Ed è così per più di un chilometro di un rettilineo in cui sfrecciano macchine ad alta velocità.

Le foto le ho scattate, rischiando di essere investito.

Conclusione e problema che cerca una soluzione dai nostri amministratori, così sensibili alla mobilità sostenibile.

E cioè, cosa fare, e subito, per rendere agevole uno spostamento a piedi e in sicurezza da Tor Tre Teste a Torre Maura, e viceversa, ripristinando per il suo uso un marciapiedi (che per ora è sepolto) e non è transitabile?

Restiamo in fiduciosa attesa di una risposta delle autorità


Commenti

  Commenti: 2

  1. Annarita Pellegrini


    V municipio di Roma: il servizio di trasporto pubblico a Tor Tre Teste. Un “ fiore all’occhiello ” per i politici di prossimità e per quelli dell’ Amministrazione centrale!

    Il signor Attilio Migliorato denuncia l’impossibilità di andare da Tor Tre Teste a Torre Maura, in sicurezza, a piedi (si figuri sulle piste ciclabili create nelle vie strette e transitate del V municipio! )
    Io vorrei denunciare l’ impossibilità, per i ragazzi quattordicenni residenti nel comprensorio, di raggiungere le scuole secondarie di secondo grado del territorio con un mezzo pubblico di trasporto. L’autobus “ 556 ”, da sempre unico mezzo a transitare con costante e considerevole ritardo nel quartiere, ora da Centocelle arriva ad Anagnina e passa nel comprensorio sempre in ritardo e carico di passeggeri, come nel passato, tanto perché, in epoca di pandemia covid, è stato fatto obbligo di distanziamento di sicurezza, per evitare il contagio! Come risolvono il problema del raggiungimento delle sedi scolastiche frequentate gli studenti adolescenti di Tor Tre Teste? Come hanno fatto, per decenni, le precedenti generazioni di studenti: facendosi accompagnare a scuola e facendosi venire a prendere al termine delle lezioni, in automobile, dai rispettivi padri, madri o nonni … così come hanno fatto, per decenni, i loro familiari per andare al lavoro, per andare a fare compere, per recarsi in ospedale, per andare a far visita ai propri congiunti … sempre con il mezzo privato … non avendo alternative! Che importa se l’uso del mezzo privato aumenta il livello delle polveri sottili ! Si cercherà , poi, di porvi rimedio con la circolazione “ a targhe alterne” e con le “ domeniche ecologiche ”! A nulla è servito chiedere, per decenni, in aggiunta al carente servizio dell’autobus “ 556 ”, l’assegnazione al comprensorio, di una navetta ( Abelie – Tobagi ), a brevissimo percorso, che collegasse rapidamente Tor Tre Teste ai mezzi che transitano sulla Casilina, a quelli che percorrono la Palmiro Togliatti e a quelli che passano sulla Prenestina, e che , ancora oggi, che al “ 556 ” è stato raddoppiato il tragitto, sarebbe oltremodo necessaria. … E che dire delle linee di autobus, di recente istituite, che collegano i terminal delle linee metropolitane al centro? … Sono dirette tutte verso il centro! E a creare opportuni collegamenti in periferia chi ci ha pensato? Chi ha progettato di istituire, in orario d’ ingresso a scuola e di termine delle lezioni, un servizio circolare di collegamento con le scuole secondarie di secondo grado del quadrante ?

  2. Fabio abitante di via Campari


    Ci sarebbero diverse persone che potrebbero raggiungere la Metro C a piedi o in bicicletta: è qui che servirebbe una pista ciclabile con degli stalli controllati nella metro, non sulla Prenestina persa dove è persa nel traffico. Quanti soldi sprecati: i nostri!

Commenti