Alemanno, Raggi, Gualtieri. Rifiuti sempre a terra

Carlo Falco - 22 Luglio 2022

 

Riceviamo e pubblichiamo

Dalla chiusura di Malagrotta, nulla di sostanziale è finora cambiato nella gestione dell’emergenza rifiuti…

Certo, ora Gualtieri sta provando, ed io lo condivido, a far passare la scelta del termovalorizzatore, che entrerebbe in funzione – se tutto va bene – fra tre anni… Però per quanto tempo ancora i cittadini (scrivo dal V Municipio, ma vale per tutta Roma) dovranno subire il disagio, la vergogna ed il maggior rischio igienico-sanitario conseguenti alla mancata raccolta dell’immondizia in strada, in particolare attorno ai cassonetti?

Questa condizione di emergenza ricorrente, che sottopone i Romani ad una forma di maltrattamento paragonabile alla tortura, in palese violazione dei diritti umani, segnala inequivocabilmente come i tre citati sindaci non abbiano saputo, o voluto (a questo punto fa poca differenza) fronteggiare in maniera adeguata l’emergenza rifiuti! Se poi è vero quanto scriveva Antonio Maria Mira in un articolo pubblicato su l’Avvenire il 5 luglio 2019, cioè che a Roma mancano i siti di stoccaggio provvisorio (semplici vasche o capannoni con basi impermeabilizzate in cemento, capaci di ricevere – nelle fasi acute delle emergenze – tutta o gran parte dell’immondizia eccedente), perché questi banali impianti, che mi risulta esistano in moltissime altre città, a Roma non vengono creati?

Certo, forse è più comodo (tranne che per i milioni di abitanti della Capitale…) lasciar marcire i rifiuti in strada.

Per non parlare poi della fatica che costerebbe il dover predisporre un presidio attorno a tali siti …: no, meglio lasciare la “monnezza” dov’è, a terra, con buona pace dei Romani!

I quali frattanto, per una “curiosa coincidenza”, si stanno recando alle urne in numero sempre più esiguo in occasione delle elezioni comunali.

Chissà’ perché!

Centro Commerciale Primavera

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti