Biblioteca “San Marco” in festa nel quartiere Giuliano-Dalmata

Dal lontano 22 marzo 1974 offre alla comunità un servizio 'unico', in particolare agli utenti più giovani
Brunella Bassetti - 25 Febbraio 2019

La Biblioteca “San Marco” (Via Fratelli Reiss Romoli, 27), da sempre centro di aggregazione e propulsore di attività, una volta l’anno si veste a festa per far conoscere agli abitanti del quartiere Giuliano-Dalmata le varie attività che si svolgono al suo interno e per presentare gli ultimi volumi acquistati.

Dal lontano 22 marzo 1974, data dei primi volumi acquisiti per donazione, costituisce e ha costituito – per le sue peculiarità – un servizio ‘unico’ reso all’intera comunità del territorio, in particolare alle fasce più giovani di utenti.

Originariamente, non avendo la parrocchia a disposizione spazi verdi e all’aperto per le varie attività previste dalla pastorale ha dovuto ottimizzare gli spazi interni e così nacque l’idea di costituire una biblioteca. La stessa ha sede, ancora, nei locali della parrocchia e, per molti anni, ha costituito l’unico punto e luogo di cultura di un vasto territorio (ricordiamo che fino a pochi mesi fa la biblioteca comunale più vicina era la “Pier Paolo Pasolini”, a Spinaceto. Mentre da pochi mesi è stata riaperta la “Biblioteca Laurentina – Centro Culturale Elsa Morante” del Laurentino 38).

Nel corso degli anni vari e molteplici sono stati gli intenti sottesi all’idea di utilizzo della biblioteca e degli spazi ad essa connessi:

  • promuovere momenti di aggregazione e di confronto attraverso incontri sull’arte, sulla letteratura, sulla musica; conferenze e presentazioni di libri; laboratori e cineforum. Per molti anni, inoltre, è stato attivo un ‘doposcuola’;
  • assolvere una funzione aggregativa di svago e divertimento attraverso attività ricreative, incontri, feste, giochi;
  • contribuire, in parte, alla formazione civile, morale e religiosa degli utenti.

Attualmente, accoglie quotidianamente numerosi giovani studenti liceali e universitari che attraverso il ‘passaparola’ hanno conosciuto o stanno conoscendo un ‘luogo’ (una ‘agorà’ alternativa) dove poter stare tutti insieme: incontrandosi, conoscendosi, confrontandosi studiando tutti insieme.

Dopo 45 anni di attività, il patrimonio librario della biblioteca ammonta a circa 11.000 volumi che spaziano dalla narrativa alla saggistica, dalla filosofia alla letteratura. È presente anche una sezione (che di anno in anno viene sempre più implementata) dedicata alla letteratura per l’infanzia e per i ragazzi.

Il servizio di prestito e di consultazione si effettua in giorni stabiliti: il lunedì e il venerdì dalle ore 16.30 alle 18.30; il mercoledì e la domenica dalle ore 10.00 alle 12.00. Il costo annuale di abbonamento alla biblioteca è pari a Euro 25,00. Tale quota richiesta serve a coprire le spese di gestione e per l’acquisto dei nuovi libri (scelti, generalmente, seguendo i consigli degli abbonati e dei lettori).

La Biblioteca “San Marco” è, soprattutto di questi tempi, un patrimonio da preservare e da valorizzare perché non sia esclusivamente la ‘casa dei libri’ ma luogo deputato a fare e produrre cultura, in tutti i sensi.

Finora, tutto questo è stato reso possibile grazie all’opera di volontari e di volontarie che con entusiasmo e passione si sono dedicati, e si dedicano, a questo importantissimo servizio principalmente per diffondere l’amore per i libri e per la lettura. Inoltre, non facendo parte dei circuiti istituzionali del sistema bibliotecario comunale ci auguriamo che in un prossimo futuro si possa ipotizzare la creazione di un ‘bibliopoint’ connesso e interconnesso con altre realtà culturali della città di Roma.

 

Brunella Bassetti  


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti