Bonificata area cavalcavia Corso Francia

L'intervento è stato effettuato dall'Ama la mattina del 20 novembre
Enzo Luciani - 20 Novembre 2009

“E’ iniziata la mattina del 20 novembre, all’alba, la bonifica e la messa in sicurezza dell’area sottostante il cavalcavia di Corso Francia, tra viale dello Stadio Flaminio e l’Auditorium. "Un intervento – dichiarano in una nota congiunta Fabrizio Santori, Presidente della Commissione sicurezza urbana del Comune di Roma e Roberto Cappiello, Presidente della Commissione sicurezza del II Municipio- atteso da tempo che rientra in un più ampio progetto d’intervento integrato che dimostra la forte volontà e l’impegno dell’amministrazione comunale per il ripristino del decoro e della legalità in tutto il territorio capitolino”.

 "Un plauso – continuano – per il successo dell’intervento fortemente voluto dall’Ufficio coordinamento politiche per la sicurezza urbana del Comune di Roma, che ha siglato un accordo con Ama per la riqualificazione delle aree degradate della città”. “L’area bonificata, che veniva utilizzata come parcheggio serale e notturno in occasione di manifestazioni presso l’Auditorium, è stata finalmente restituita alla cittadinanza ed adeguata ad un contesto di un certo prestigio cittadino, quale il Parco della Musica che quotidianamente ospita gradi eventi culturali e musicali. Grazie ad un intervento di sfalcio della vegetazione infestante ed al potenziamento dell’illuminazione pubblica mediante il posizionamento di nuove fonti luminose da oggi l’area è pulita e sicura”.

“I nostri ringraziamenti, oltre ad Ama, vanno ad Acea e al Dipartimento XII che svolgono costantemente un ottimo lavoro per la risoluzione di criticità che attanagliano più da vicino i cittadini. L’iniziativa di oggi – concludono Santori e Cappiello – è solo uno dei tanti interventi in calendario di bonifica e messa in sicurezza di siti adibiti a ricoveri di emergenza per i senza fissa dimora, discariche a cielo aperto e fenomeni di degrado urbano presenti in città”.
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti