Brescia-Lazio 1-2: nona vittoria consecutiva

Inzaghi ha vinto un’altra gara nel recupero, eguagliando il record di vittorie di Eriksson. Cronaca, pagelle, tabellino e video sintesi
Marco Savo - 5 Gennaio 2020

La Lazio a Brescia ha iniziato il 2020 come aveva terminato il 2019, ovvero vincendo con un goal nel recupero. Allo Stadio Rigamonti è arrivata la nona vittoria consecutiva dei ragazzi di Inzaghi, che hanno ribaltato lo svantaggio iniziale firmato da Balotelli, con la doppietta del capocannoniere del campionato Ciro Immobile.

Inzaghi ha eguagliato il record della Lazio di Eriksson che aveva ottenuto nove vittorie consecutive nella stagione 1998/99. A Brescia, nella gara valida per la 18ª giornata di Serie A 2020, la Lazio è riuscita a vincere anche una gara in cui non aveva entusiasmato, nonostante abbia giocato tutto il secondo tempo con l’uomo in più.

Infatti il goal vittoria è arrivato al 91’ da una giocata di Milinkovic che ha servito l’assist per Immobile, alla 19ª rete in 17 incontri disputati.

Immobile torna al goal

Inzaghi nella formazione iniziale ha dovuto fare i conti con le assenze per squalifica di due pezzi da 90 come Luis Alberto e Leiva. In attacco dunque il mister ha schierato il trio formato da Immobile, Caicedo e Correa.

Al 7’ il Panterone è andato subito in goal ma l’arbitro ha annullato la rete per fuorigioco. La risposta del Brescia non si è fatta attendere e con Balotelli, bravo a liberarsi di Luis Felipe, al 18’ si è portata in vantaggio.

Brescia-Lazio 1-2I padroni di casa successivamente hanno cercato di legittimare il risultato ma sul finire del primo tempo Cistana ha buttato giù Caicedo nella propria area, causando un calcio di rigore e guadagnandosi la doccia anticipata.

Sul dischetto Ciro Immobile è tornato al goal pareggiando i conti in campo. Il bomber era a secco da quattro partite ed era reduce dal rigore sbagliato contro la Juventus.

Zona Lazio!

Nella ripresa la Lazio ha avuto tutto il tempo per far suo l’incontro anche approfittando della superiorità numerica. Ma in campo è mancata la qualità di Leiva e Luis Alberto si sono fatte sentire.

Allora Inzaghi ha provato a dare la scossa ai suoi inserendo Cataldi e Jony al posto degli ammoniti Radu e Parolo. Nonostante l’ingresso in campo di due giocatori freschi e più tecnici la Lazio non ha creato delle vere e proprie occasioni da goal.

Brescia-Lazio 1-2L’unica vera chance è capitata sui piedi di Correa, che ha scagliato un pallone della distanza che si è perso di un non nulla sul fondo.

E cosi il match è scivolato via fino ai minuti di recupero, negli istanti in cui la Lazio ultimamente si è esalta.

Questa volta il goal vittoria è arrivato al 91’ con il piattone di Immobile che non ha lasciato scampo a Joronen.

Le pagelle di Brescia-Lazio 1-2

Strakosha 6 – L’unica volta in cui è stato impegnato ha dovuto raccogliere dalla porta il tiro angolato di Balotelli.

Luiz Felipe 5 – Il brasiliano ha vissuto un pomeriggio complicato. Suo l’errore in marcatura sul goal iniziale di Balotelli.

Acerbi 6.5 – Il solito baluardo difensivo anche se gli avversari hanno provato ad abbatterlo in tutti i modi.

Radu 6 – La sua gara inevitabilmente è stata condizionata dal pesante pestone ricevuto sulla caviglia sinistra.

59′ Jony 6 – È entrato in corso d’opera ma non è riuscito ad incidere sul match.

Lazzari 6.5 – La spinta dell’esterno destro è stata costante soprattutto nel primo tempo.

Milinkovic 7 – Anche in un match difficile come questo è riuscito a tirare fuori il coniglio dal cilindro. Con il suo fisico è riuscito a crearsi gli spazi giusto come quello che l’ha portato a servire ad Immobile l’assist per il goal vittoria.

Parolo 6 – Si è dovuto dannare molto in copertura mala sua gara è stata condizionata dall’ammonizione ed ecco perché Inzaghi ha deciso di richiamarlo in panchina.

59′ Cataldi 6 – Non è sembrato particolarmente brillante. Deve ritrovare lo smalto delle ultime gare del 2019.

Brescia-Lazio 1-2Correa 6 – Il giocatore più in difficoltà del trio avanzato. Si è fatto vedere solo sul tiro dalla distanza che ha lambito il palo alla destra del portiere bresciano.

Lulic 6.5 – Il capitano è stato sempre nel vivo del gioco e si è fatto vedere anche in zona goal.

77′ André Anderson 5 – L’ex Salernitana nel suo quarto d’ora a disposizione ha commesso un fallo dietro l’altro

Caicedo 7 – Con Immobile si è trovato a meraviglia. Dopo una combinazione con il compagno si è guadagnato di forza il penalty che ha permesso al bomber di pareggiare i conti. Per l’impegno profuso avrebbe ampiamente meritato il goal.

Immobile 7.5 – Dopo un periodo di digiuno si è sbloccato alla sua maniera, dapprima con un calcio di rigore e poi con la rete decisiva che ha permesso alla Lazio di conquistare la sua nona vittoria consecutiva.

All. Simone Inzaghi 8 – Lazio forza none. I biancocelesti hanno iniziato al meglio il 2020 eguagliando il record di Eriksson nella stagione 1998/99.

BRESCIA

Joronen 6; Sabelli 5,5, Cistana 4, Chancellor 5, Mateju 5,5; Bisoli 6, Tonali 7 (81’ Semprini 5,5), Romulo 6,5; Spalek 6 (46’ Viviani 6); Torregrossa 5,5 (42’ Mangraviti 6), Balotelli 6.5. All. Eugenio Corini 6,5.

Arbitro: Manganiello (sez. di Pinerolo) 6.5.

Il tabellino di Brescia-Lazio 1-2

Marcatori: 18′ Balotelli (B), 42′, 90’+1′ rig. Immobile (L)

BRESCIA (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Cistana, Chancellor, Mateju; Bisoli, Tonali (81′ Semprini), Romulo; Spalek (46′ Viviani); Torregrossa (42′ Mangraviti), Balotelli. A disp. Alfonso, Andrenacci, Gastaldello, Magnani, Zmrhal, Morosini, Ayé, Matri. All. Eugenio Corini (in panchina Salvatore Lanna).

LAZIO (3-5-2): Strakosha; Luiz Felipe, Acerbi, Radu (59′ Jony); Lazzari, Milinkovic, Parolo (59′ Cataldi), Correa, Lulic (77′ André Anderson); Caicedo, Immobile. A disp. Proto, Guerrieri, Bastos, Patric, Silva, Marusic, Berisha, Adekanye. All. Simone Inzaghi.

Arbitro: Manganiello (sez. di Pinerolo). Assistenti: De Meo – Santoro. IV uomo: Ghersini. V.A.R.: Mazzoleni. A.V.A.R.: Di Iorio.

NOTE

Ammoniti: 35′ Cistana (B), 43′ Tonali (B), 47′ Balotelli (B), 56′ Radu (L), 57′ Parolo (L), 65′ Jony (L), 72′ Cataldi (L), 86′ Chancellor (B). Espulso: 39′ Cistana (B) per fallo da ultimo uomo. Recuperi: 1′ pt; 4′ st.

SS Lazio centoventi anni: il 6 gennaio alle 10.30 il taglio del nastro


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti