Municipi: | Quartiere:

Burri “esistenziale” di Enrico Crispolti

Lunedì 14 marzo 2016 la discussione del libro presso il Museo Laboratorio di Arte Contemporanea, all'università di Roma La Sapienza

Lunedì 14 marzo 2016 alle 17.00 presso MLAC (Museo Laboratorio di Arte Contemporanea), Palazzo del Rettorato, I piano all’università di Roma La Sapienza in piazzale Aldo Moro, 5 discussione del libro BURRI “esistenziale” di Enrico Crispolti (collana “Biblioteca Passaré”, Macerata, Quodlibet 2015) a cura di Luca Pietro Nicoletti, Dipartimento di Storia dell’Arte e Spettacolo Sapienza Università di Roma.

Intervengono:
Enrico Crispolti (professore emerito di storia dell’arte contemporanea, Università di Siena)
Claudio Zambianchi (Sapienza Università di Roma)
Ilaria Schiaffini (Sapienza Università di Roma)
Luca Pietro Nicoletti (dottore di ricerca e curatore del volume)

copertina-crispolti-bA cent’anni dalla nascita di Alberto Burri (1915-1995), è possibile rileggere gli scritti di Enrico Crispolti, uno dei più acuti e penetranti interpreti della sua opera, in un’ampia silloge che, spaziando dal 1957 fino al secondo decennio del XXI secolo, ripercorre il denso rapporto fra il critico e l’artista.
Sulla scorta della letteratura più agguerrita (Villa, Sweeney, De Mandiargues e Arcangeli), ma prima dell’importante monografia di Cesare Brandi del 1963, l’allora giovanissimo storico dell’arte romano per primo aveva offerto un’interpretazione in chiave esistenzialista della pittura di Burri.
L’opera di Jean-Paul Sartre, fino ad allora messa in rapporto con il lavoro di artisti quali Fautrier e Wols, si dimostrò, nell’analisi di Crispolti, particolarmente adatta a decifrare il pessimismo radicale, privo di orizzonti e di speranza, che forniva la base concettuale alla materia combusta e lacerata di Burri.
sacchi BurriIl critico metteva già allora in evidenza il significato filosofico dell’uso di materiali eterodossi in funzione pittorica: il sacco bruciato e rattoppato, la plastica toccata dalla fiamma, la lamiera di ferro saldata rimangono nella dimensione compositiva del quadro, ma trasferiscono nel suo spazio la loro insopprimibile evidenza di oggetti quotidiani e, allo stesso tempo, diventano una metafora immediata della carne ferita, della caduta esistenziale, tanto materiale quanto psichica.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati