Carrefour Ciliegie chiude il 30 giugno. In programma 92 licenziamenti

Riceviamo e pubblichiamo
Redazione - 30 Aprile 2015

Giovedi 23 aprile 2015 il Consiglio del V municipio ha espresso solidarietà con i lavoratori di Carrefour Ciliegie in lotta per la salvaguardia del posto di lavoro. Di seguito riportiamo le notizie giunte successivamente dal Comitato Spontaneo dei Lavoratori di Carrefour di Roma: 

“In data 20 aprile 2015 il responsabile delle risorse umane Carrefour Italia ha consegnato nelle mani del direttore dell’Ipermercato Carrefour
Roma Ciliegie, il documento datato 17 aprile 2015 attestante dell’avvio delle procedure di mobilità per 38 dipendenti del punto vendita al Quarticciolo e la cessazione delle attività lavorativa del punto vendita di via delle Ciliegie 100 a far data 30 giugno 2015.

carrefour_1_originalQuesto quadrantre di Roma viene a perdere un comodo ipermercato per fare le spesa a due passi dal martoriato quartiere Quarticciolo, già privato di due mercati rionali e che due anni fa ha scongiurato, grazie alla raccolta di firme dell’Ass. Alessandrino Oggi & Dintorni, del Teatro-Biblioteca Quarticciolo. Avviata una raccolta di firme da parte del Comitato Spontaneo dei Lavoratori di Carrefour di Roma tra gli indignati cittadini per la chiusura ritenuta una scandalo visto che l’Ipermercato in 10 anni ha accolto tanti clienti, anche diversamente abili, che vengono a fare la spesa a piedi e meritando la loro fiducia.

Nel consiglio Municipale datato 23 aprile, la Giunta ha votato un documento di solidarietà del Municipio con il lavoratori in lotta per la difesa del posto di lavoro, contenente la richiesta indirizzata al Sindaco di Roma Ignazio Marino per aprire un tavolo di confronto tra le parti, per salvaguardare il posto di lavoro degli addetti alla vendita, ed un loro possibile reinserimento
in altri punti vendita Carrefour presenti sulla piazza di Roma”.

Comitato Spontaneo dei Lavoratori di Carrefour di Roma

Gioielleria Orologeria Argenteria Licata

Commenti

  Commenti: 2


  1. llldella zona composta da tante famiglie e tanti anziani


  2. Vorrei sapere se c’è una raccolta firme attiva e dove si posso seguire gli aggiornamenti sulla situazione. Stanno chiudendo fin troppe attività, non solo nelle grandi città come Roma. Dobbiamo combattere la crisi imponendoci col fiato sul collo dei “potenti”. Non dimentichiamo che non abbiamo il dovere di accettare quello che viene deciso per noi, semmai pieno diritto di farci sentire e ribellarci!

Commenti