Comemammamhafatto

Il giovedì sera che ti "libera dai soliti schemi". Un live con oltre una decina di musicisti che coordinati dal Dj Max Scoppetta suonano una miriade di strumenti dalle conga al flauto traverso
Enzo Luciani - 12 Marzo 2013

comemmamhafatto logoLa novità della capitale non è una nuova mostra sull’ottocento europeo ne tanto meno il nuovo piano regolatore della città, ma bensì una serata che sta stravolgendo il modo di divertirsi e di passare piacevolmente il dopo cena.

comemamamhafatto stell ste “Comemammamhafatto” organizza un live piacevole e innovativo che si differenzia da tutte le altre proposte musicali, è uno spettacolo multiforme, una jam session aperta a tutti i musicisti che vogliono sperimentare e contaminarsi con delle particolari strumentistiche, sopra le basi elettroniche realizzate con macchine Moog, Korg, Akai, sintetizzatori, effetti, drum machine, suonano strumenti classici come flauto traverso, sax, violino, conga, basso, chitarra, tromba ecc.
comemammamhafatto eric dani Un live che si riempie di strumentisti provenienti da vari generi musicali un set che parte da 5 artisti che con il passare della serata diventano 10, 12, 14, con generi e strumenti che si alternano e si miscelano coordinati dall’esperienza del dj polistrumentista Max Scoppetta ideatore del progetto.

comemammamhafatto nas
Il pubblico sempre più numeroso parla di questa serata come una liberazione dai soliti schemi del passatempo romano, una serata che sta crescendo sotto gli occhi di tutti sia sotto il profilo musicale che sotto quello sociale, “comemammamhafatto” si trova tutti i giovedì a via dei Cerchi 65 in un locale che si affaccia proprio su Circo Massimo lo 0,75 zerosettantacinque.

 

comemamamhafatto trombacomemamamhafatto drinkComemammamhafatto oltre il giovedi si trova a programmare serate itineranti in tutto il Lazio, per seguire i vari spostamenti si può contattare su facebook l’organizzatore Vincenzo Lacasalibre (oppure via mail vincenzolacasalibre@gmail.com) o la pagina facebook di “comemammamhafatto“.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti