Denuncia contro ignoti per la demolizione della recinzione a Casale Rosso

Presentata dall'assessore all'Ambiente del VII Alessandro Moriconi
Enzo Luciani - 13 Settembre 2012

"Nella giornata di ieri – informa in un comunicato l’assessore all’Ambiente del VII municipio  Alessandro Moriconi  – ho presentato una denuncia presso la Caserma dei Carabinieri di via degli Armenti nei confronti di ignoti, per gravi danni contro il patrimonio Pubblico, consistenti nel danneggiamento di un tratto di recinzione Keller
installata nel mese di giugno dal Municipio Roma VII in piazza Pino Pascali al fine di impedire l’accesso in una area a verde di proprietà pubblica e utilizzata da prostitute e trans che esercitano il meretricio nell’intero arco della giornata, fin sotto le abitazioni incuranti della presenza dei residenti".

"Quella del piano di zona denominato "Casale Rosso"  – aggiunge Moriconi – è una comunità che vanta circa 1.200 residenti, che da anni anche a causa di un contenzioso con il Comune di Roma Dipartimento al Patrimonio non riesce ad ottenere né una illuminazione stradale idonea dall’Acea SpA e né il terreno di servitù dell’intero Piano di Zona che dall’impresa costruttrice la Coop. CmB  da anni attende di entrare a far parte del patrimonio pubblico". 

"Alla richiesta dei 1.200 cittadini – conclude l’assessore all’Ambiente – il Municipio Roma VII con l’installazione della recinzione costata migliaia di euro aveva cercato di dare una risposta almeno per quanto riguarda il degrado igienico ambientale dovuto ad una situazione a dir poco allucinante. Ora con il danneggiamento di parte della stessa ad opera di ignoti i residenti diventano nuovamente ostaggi della dilagante prostituzione. A questo stato di cose la Giunta del Municipio intende opporsi con decisione, da qui l’opzione della presentazione della denuncia per gravi danni al patrimonio pubblico".
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti