E’ morto il bimbo soffocato all’Ikea

Redazione - 17 Marzo 2014

Si è spenta ogni speranza per Francesco, il bambino di 3 anni che giovedì scorso era rimasto soffocato mangiando un hot dog, nel ristorante dell’Ikea di Porta di Roma. Il bimbo, ricoverato in terapia intensiva pediatrica, nonostante i trattamenti più all’avanguardia, è morto oggi 17 marzo al Policlinico Gemelli di Roma.

I genitori del bambino hanno dato il consenso per la donazione degli organi. La Procura di Roma ha aperto un’inchiesta sulla sua morte. Il pm Alberto Galanti, titolare degli accertamenti, ha disposto l’autopsia e autorizzato l’espianto degli organi. Il magistrato attende ora un’informativa sull’accaduto salvo poi disporre l’acquisizione della documentazione medica ed eventuali consulenze tecniche.

Ikea Italia ha espresso il cordoglio per quanto accaduto. “È difficile – si legge in una nota dell’Azienda – trovare le parole che possano significare la nostra costernazione e il nostro dolore. Alla famiglia del piccolo va il nostro pensiero e le nostre più sentite condoglianze”.

Fresco Market
Fresco Market

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti