Ecco le creazioni di Maria Voto per i vincitori del Premio Ischitella-Pietro Giannone 2018

Vincenzo Luciani - 13 agosto 2018

Dallo scorso anno c’è una motivazione in più per vincere il Premio Ischitella-Pietro Giannone. Non solo la rinomanza della Giuria che esamina le raccolte poetiche che vi concorrono, non solo la pubblicazione gratuita del testo vincitore e l’omaggio delle 100 copie del libro edito da Cofine, non solo la calda ospitalità di un week end nel cuore del Gargano, ma dal 2017, tre originali creazioni tessute con un telaio tradizionale dall’artista Maria Voto che con tenacia, abilità e passione conserva innovandola l’antica arte della tessitura nel suo rinomato laboratorio artigiano.

Questi piccoli capolavori nascono nella sua bottega “La Tela di Maria Voto” che consigliamo di visitare, in Corso Umberto I, 10,a Vico del Gargano (a pochi chilometri da Ischitella. E Maria ha solide radici ischitellane). Qui lavora Maria, che ha riportato in vita gli antichi tessuti fatti a mano con l’aiuto del suo telaio.

Le opere sono “lavorate” con telai costruiti proprio come erano fatti in passato, quando a Vico erano in attività circa 800 telai rigorosamente in legno e costruiti da artigiani locali. I tessuti di Maria, dalla canapa al lino, sono di alta qualità e la lavorazione come gli abbinamenti cromatici sono frutti esclusivi dell’opera delle sue mani e della sua creatività. Tovaglie, asciugamani, tappetini, cuscini, borse ecc… sono tutti  pezzi unici.

Siamo certi che continuerà nella sua straordinaria e “poetica” attività e speriamo che ci sia qualcuno che erediti quest’arte laboriosa e appassionata. Maria ha, ad ogni buon conto, promesso di accompagnare e sostenere con le sue creazioni il premio letterario di Ischitella anche nelle prossime edizioni, dedicando una parte importante del suo tempo.

Intanto sia lieti di presentare in anteprima le opere che andranno in omaggio ai vincitori della XV edizione del Premio Ischitella-Pietro Giannone.

Al vincitore andrà un Tappeto e un cuscino di pura lana vergine, tessuti secondo la antica tradizione dei pannucci garganici.

Il secondo classificato, una poetessa, riceverà una Borsa di canapa centenaria con motivo tipico detto pizzo spagnolo, e stola in pura seta.

Al terzo classificato andranno due cuscini in canapa e cotone biologico, tessuti con motivi tipici detti spighetta e dente di cane.

Grazie a Maria Voto quindi il rinomato Premio di poesia nei dialetti d’Italia aggiunge poesia a poesia con prodotti artigianali unici come i nostri dialetti d’Italia.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti