Ex Buffetti: “Raggi fugge da responsabilità. Tempo scaduto, indispensabili sgombero e bonifica

Lo dichiarano Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica Con Giorgia  e Federico Rocca, coordinatore FdI Municipio XI
Redazione - 27 Febbraio 2019

«È passato più di un anno, ma nulla si è mosso. A novembre del 2017 la Sindaca, con il solito sistema dei proclami, aveva annunciato a viva voce che l’ex fabbrica Buffetti sarebbe stato liberata dall’amianto. Poi, come al solito, le sue parole sono state portate via dal vento, quello del cambiamento, tanto acclamato dai grillini.

«Con Valerio Garipoli e Marco Palma, capogruppo e consigliere di FdI al Municipio XI, che più volte hanno presentato segnalazioni e mobilitazioni su quest’ex immobile fatiscente e insicuro, ci siamo recati di nuovo a verificare lo stato della struttura, spesso balzata agli onori delle cronache per gli incendi dolosi sviluppatisi al suo interno. Purtroppo rispetto al passato la situazione è addirittura peggiorata: nell’edificio continuano a trovare alloggio molti sbandati e senza fissa dimora e, per di più, le lastre di amianto prima presenti prima soltanto sul soffitto dell’ex fabbrica sono sparse ora anche a terra e si stanno spezzettando. Questo significa che potranno diffondersi nell’aria con maggiore facilità a danno della salute di quanti abitano nelle immediate vicinanze di questa bomba sociale e ambientale.

«La pericolosità di questa situazione è stata certificata anche dal Tribunale di Roma che ha intimato alla proprietà di smantellare l’amianto presente. Ma non si è mai provveduto né alla bonifica né alla messa in sicurezza dell’area. Sono tanti, troppi, i casi di tumore registrati fino ad oggi in quell’area. E’ evidente che non è più procrastinabile un intervento sullo stabile.

Interrogazioni, mozioni e commissioni Trasparenza richieste sull’argomento nulla hanno potuto contro l’ottusità a cinque stelle che si è addirittura permessa di bocciare un ordine del giorno portato in aula durante la sessione di bilancio 2018 che sollecitava una soluzione alla presenza dell’amianto killer. E’ per questo che, a breve, porteremo in aula un’ennesima mozione per impegnare la giunta eseguire d’ufficio la bonifica dell’area. Non è pensabile che i cittadini continuino a pagare anche con la propria salute incapacità e inefficienza di questa giunta».

A dichiararlo sono Rachele Mussolini, consigliere comunale della lista civica Con Giorgia e Vice Presidente della Commissione Controllo, Garanzia e Trasparenza di Roma Capitale, e Federico Rocca, coordinatore FdI Municipio XI.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti