Gli alunni dell’Armando Diaz protagonisti della Giornata Mondiale del Risparmio

Martedì 29 ottobre si è svolta la seconda edizione del progetto ludico-formativo “Una storia fatta apPosta”
La Redazione - 31 Ottobre 2013

Poste Italiane, in collaborazione con Cassa Depositi e Prestiti, ha presentato, martedì 29 ottobre in via Acireale 2, presso la Scuola Primaria “Armando Diaz” dell’Istituto Comprensivo “Marcello Mastroianni”, la seconda edizione del progetto ludico-formativo “Una storia fatta apPosta”, per celebrare la 89° Giornata Mondiale del Risparmio.

L’evento ha coinvolto circa 50 bambini delle classi quinte della Scuola Primaria e si è svolto alla presenza della Dirigente Scolastica, dott.ssa Giuseppa Tomao.

GMR ROMA_1La giornata ha avuto inizio con una lezione interattiva sulla storia del risparmio delle famiglie italiane e sulle tappe che hanno segnato lo sviluppo del Paese. Durante la lezione, il tema del risparmio è stato trattato come valore educativo che insegna ad utilizzare al meglio le risorse disponibili e a ridurre gli sprechi attraverso una serie di semplici comportamenti quotidiani utili a migliorare la qualità della vita e ad investire sul proprio futuro umano e professionale. Inoltre i bambini hanno potuto riflettere sui vari modi di gestire la propria paghetta, efficaci a realizzare un desiderio che inizialmente poteva essere difficile esaudire.

Con l’intento di stimolare un momento di confronto e partecipazione attiva i piccoli studenti sono stati invitati a realizzare un elaborato creativo per raccontare attraverso una forma di linguaggio a scelta (un disegno, un’intervista, un collage, un tema, una vignetta o una filastrocca) l’importanza del risparmio nelle sue più svariate forme.

I migliori lavori provenienti dalla scuola “Diaz”, insieme ad altri opportunamente selezionati tra tutte le 120 scuole d’Italia coinvolte nel progetto, saranno successivamente raccolti nel secondo volume del libro “L’arte di mettere da parte”, che sarà pubblicato da Poste Italiane in collaborazione con Cassa Depositi e Prestiti.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti