Gli incentivi per la bici fanno impennare gli acquisti

Bene l'iniziativa del Governo, ora migliorare le ciclabili, aumentare i parcheggi dedicati e facilitazioni nei mezzi di trasporto
di Francesca Romana Antonini - 30 Settembre 2009

Dati recenti ci dicono che Roma è la città d’Italia con il più alto numero di auto e di inquinamento. Questo dato ha spinto le persone ad emanciparsi dalla schiavitù della macchina, considerata come unico mezzo di trasporto. E questo è l’obiettivo portato avanti da Piergiorgio Benvenuti, responsabile delle relazioni istituzionali e coordinatore per il Lazio del Movimento Ecologista Europeo – Fare Ambiente.

“Esprimiamo la più totale soddisfazione in merito alla politica di rifinanziamento degli incentivi per l’acquisto di bici – afferma Benvenuti – trentasettemila biciclette vendute in 2 giorni e mezzo, oltre 4 milioni e 700 mila euro di incentivi già impegnati su un totale di 7,7 milioni di Euro, provvedimento fortemente voluto dal Ministro dell’Ambiente, Stefania Prestigiacomo che condividiamo pienamente”.

“Siamo sempre stati un Movimento impegnato soprattutto nelle grandi città – dichiara Piergiorgio Benvenuti – ad affrontare le tematiche relative alla mobilità sostenibile, compresa l’ottimizzazione dell’utilizzo delle biciclette, attraverso la manutenzione, l’ampliamento e la messa in sicurezza delle piste ciclabili.
Chiaramente in sintonia con gli incentivi per la diffusione delle biciclette, è con viva soddisfazione che abbiamo osservato il successo ottenuto dal provvedimento per incentivare ulteriormente l’acquisto delle due ruote e la destinazione di nuovi fondi e di una rinnovata attenzione”.

“I dati sono di una certa rilevanza, sino ad ora, per quanto concerne la distribuzione territoriale – prosegue Benvenuti – è avanti il nord con oltre il 69%, seguito dal centro (16%), dal sud e dalle isole.
Altro punto d’orgoglio vedere Roma guidare la classifica delle città amanti delle 2 ruote con mille acquisti, seguita da Milano, Rimini e Torino”.

“Importante è che tutto questo si coniuga con la volontà – ha concluso Benvenuti – dell’attenzione all’ambiente e quindi alla qualità della vita dei cittadini che vorremmo si diffondesse sempre di più soprattutto fra le giovani generazioni ed in questo caso con l’ampliamento delle piste ciclabili, la costante manutenzione e la messa in sicurezza, i parcheggi dedicati, le facilitazioni nei mezzi di trasporto”.

La bicicletta può dare un significativo contributo alla mobilità cittadina, sia in termini di fluidità del traffico sia in termini di riduzione dell’inquinamento atmosferico e acustico, rappresentando una validissima alternativa al mezzo motorizzato. E’ importante far diventare quindi la bici un mezzo abituale per andare a scuola, al lavoro, per le piccole spese e per una passeggiata… con il vantaggio che non inquina, è silenziosa, economica, poco ingombrante e ci rende meno sedentari!


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti