I 10 anni di ‘Mimose & Soufflé’

Il Gruppo teatrale festeggia dieci anni di spettacoli con una Commedia in vernacolo. Fino all’8 novembre al Teatro 'Le Salette' di Borgo Pio
di Maurizio Martinelli - 3 Novembre 2009
Nel cuore della popolare e caratteristica zona sita tra Via della Conciliazione e Borgo Pio, esattamente al Vicolo del Campanile, 14 e precisamente al Teatro Le Salette, è in scena “la vecchia signora”, ovvero la Compagnia Mimose & Soufflé, che ha deciso di festeggiare il suo decimo anno di attività amatoriale estraendo dal cappello magico una sua vecchia passione, il vernacolo.

 

Roma è carente dell’uso del suo lessico originale e spesso, quando lo si usa per rafforzare i concetti espressi, si abbonda con termini che tirano la risata facile ma sono volgari. Mantenendo il suo stile, Vittoria Viola responsabile del gruppo si affaccia a questa nuova platea per riportare ancora una volta sui volti dei suoi spettatori i sorrisi e, gentilmente ci concede una breve intervista prima dello spettacolo delle 21:15…  
Come nasce La Compagnia Mimose e Soufflè? Il Gruppo teatrale Mimose e Soufflè nasce nel 1998 da un’idea di Vittoria Di Crosta Viola e Concetta Fusco Frisina. La sede è sempre stata a Roma nella casa di Vittoria, dove tra incontri e cene organizzative scorrazza anche Birillo. Abbiamo iniziato facendo le prove in questa casa. Nell’estate del 1999 ci siamo costituiti, in totale autogestione e autofinanziamento, in Associazione Culturale, cominciando le prime collaborazioni con il MOICA. Dal 1997 realizziamo “teatro fatto in casa” ospitando artisti e compagnie presso la nostra sede e in molte altre case e luoghi non teatrali della capitale. Dall’ottobre del 2000 abbiamo cominciato a girare l’Italia, la dimensione piccola si è allargata, ma non abbiamo abbandonato la vocazione originaria di portare e far germogliare il teatro nel nostro territorio.  
Su quali principi culturali ed espressivi avete fondato la Compagnia? Il teatro non è un mestiere… Il teatro non è necessario… Il teatro è uno strumento… Il teatro non è fatto dagli attori e dai registi, ma dagli uomini… Il teatro è una domanda, senza risposta… Il teatro è la domanda senza risposta che ronza nella nostra testa… L’esperienza è l’unica materia che possiamo condividere in teatro… Il teatro non sostituisce la vita, è una parte di essa… La vita non sostituisce il teatro… Se in teatro vi parlo di me non è per parlare di me, ma è per parlare con voi, per parlare di noi… Autogestione e autoproduzione non sono scelte, ma condizioni essenziali del nostro teatro.  
  Da 10 anni ad oggi sono intervenute novità nel vostro gruppo? Un gruppo è un organismo vivente, un po’ come un animale o una pianta. Dentro questa prospettiva però, ogni giorno è una novità e il caso è l’unica certezza della nostra vita. Cerchiamo di essere morbidi, accoglienti. Le cose crescono, cambiano, invecchiano, muoiono. Non ci opponiamo alla trasformazione, non imponiamo la trasformazione, la accogliamo quando arriva, la trasformazione è il frutto della dialettica, del dialogo.  
  Praticate un teatro che rinuncia agli effetti speciali. E’ un rifiuto delle nuove tecnologie oppure un obbligatorio derivato del vostro stile scenico? Non escludiamo mai a priori l’utilizzo di quello che il mondo ci offre: bestie, frutti, tecnologie, luce… Non vogliamo nemmeno forzatamente usare bulimicamente tutto quello che abbiamo a disposizione.Usiamo i materiali che ci sono più vicini in un determinato momento, coi quali abbiamo un rapporto di intimità, di quotidiana frequentazione.  
  Teatro classico, comico, di avanguardia, alternativo… insomma, che cosa vuol dire per voi “fare teatro” oggi? Vuole dire non mentire, a sé stessi e agli altri… Vuole dire non essere mai sicuri di niente… 
Vuole dire credere nel dubbio e vuole dire soprattutto avere fiducia: nel teatro, in sé stessi, negli altri… E poi cos’altro aggiungere, chi ancora non ci conosce può visitare il nostro sito www.mimosesoufflé.it o verificarlo di persona venendo a trovarci a Roma, al Teatro Le Salette, fino all’8 novembre. Vi aspettiamo!


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti