I nuovi appuntamenti di ROMARAMA dal 30 ottobre al 2 novembre

Quadriennale d’arte al via, performance a Palazzo Altemps, live painting e scienza per ragazzi al Parco dei Romanisti
Redazione - 30 Ottobre 2020
Proseguono gli appuntamenti con Romarama, il programma promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Crescita Culturale che con il racconto, attraverso un unico canale, consente di scoprire le attività fino alla fine dell’anno. Questi alcuni degli eventi dal 30 ottobre al 2 novembre, mentre sul sito www.romarama.it il dettaglio delle iniziative e sul canale social @culturaaroma aggiornamenti quotidiani. In partenza altre nuove manifestazioni dei bandi EUREKA! ROMA 2020-2021-2022 ed ESTATE ROMANA 2020-2021-2022.
I 43 artisti della Quadriennale d’Arte a Palazzo delle Esposizioni, l’originale installazione visiva e sonora nella terrazza del MACRO e la performance studiata per i suggestivi spazi di Palazzo Altemps sono alcune delle novità del weekend a cavallo tra ottobre e novembre di Romarama. Un fine settimana che vede alcuni degli appuntamenti spostarsi su piattaforme on line, come l’incontro con Alessandro Melis per il Museo delle Periferie; mentre Romaeuropa conferma l’appuntamento in streaming con Table Top Shakespeare, una divertente rappresentazione realizzata con banali oggetti quotidiani. Tra le diverse mostre in corso nei vari musei della Capitale, molti anche gli appuntamenti dedicati ai più giovani, come quello con il live painting della street artist Tiziana Rinaldi Giacometti.
Da venerdì 30 apre al pubblico di Palazzo delle Esposizioni l’attesa Quadriennale d’arte 2020, a cura di Sarah Cosulich e Stefano Collicelli Cagol, con ingresso gratuito grazie al contributo di Gucci. La grande mostra, dal titolo Fuori, intende restituire un’immagine inedita dell’arte contemporanea italiana proponendo un percorso intergenerazionale e multidisciplinare innovativo. Indagando le relazioni che intercorrono tra le arti visive, la danza, la musica, il teatro, la cinematografia, la moda, l’architettura e il design, i curatori hanno selezionato 43 artisti presentati attraverso sale monografiche, riallestimenti di lavori già esistenti o nuovi progetti, con l’intento di delineare un percorso alternativo nella lettura dell’arte italiana dagli anni Sessanta a oggi.
Venerdì 30 il MACRO, in collaborazione con Terraforma, presenta il primo capitolo de Il Pianeta come Festival XL: nella terrazza del museo arriva l’installazione visiva e sonora nimiia contact firmata da Jenna Sutela. L’artista finlandese lavora con parole, suoni e altri living media come muffe e batteri, utilizzando meccanismi di simbiosi e di comunicazione interspecie. Un affascinante intervento site-specific basato sul linguaggio Bacterial-Martian, generato da macchine e batteri spaziali. Nella stessa giornata alle ore 18,30 un appuntamento d’eccezione in streaming con Timothy Morton. Tra i più influenti filosofi della sua generazione, Morton si collegherà dagli Stati Uniti con la lecture Lockdown is Reopening, Reopening is Lockdown (l’incontro è on line sul sito www.museomacro.it).
Sabato 31 la splendida architettura e le suggestive sale di Palazzo Altemps diventano cornice ed elemento di interazione per la performance gratuita My heart is a poised cithara (Il mio cuore è una cetra sospesa) del duo tedesco PRINZ GHOLAMin cui Wolfgang Prinz e Michel Gholam attingono ai contesti storici e contemporanei della sede del Museo Nazionale Romano. La performance – che rientra nella programmazione del festival Hidden Histories ed è ideata in collaborazione con l’Accademia Tedesca di Roma Villa Massimo – prevede tre repliche: alle ore 19,45; 20,15 e 20,45 (ingresso libero con prenotazione obbligatoria fino a esaurimento posti, info e prenotazioni al numero 3402359503).
Alla Casa del Cinema lunedì 2 omaggio a Pier Paolo Pasolini a 45 anni di distanza dal suo barbaro assassinio. Sul sito www.casadelcinema.it e sulle pagine social  arriva dunque l’anticipazione del bellissimo documentario Pasolini prossimo nostro di Giuseppe Bertolucci, che doveva tornare sul grande schermo proprio lunedì. Ad accompagnare il film anche un incontro on line, Lezione di Pasolini, a cui partecipano il direttore di Casa del Cinema Giorgio Gosetti, Angelo Draicchio, David Grieco e Giorgio Gosetti.
Le opere di William Shakespeare – in streaming e come non le avete mai viste – è quanto propone Romaeuropa Festival questo weekend: le opere teatrali del grande drammaturgo condensate in performance di 40-60 minuti, sviluppate su un tavolo di un metro quadrato e rappresentate attraverso l’uso di banali oggetti quotidiani tra righelli, contenitori per sale e pepe, spugne e bottigliette. È Table Top Shakespeare, la performance del collettivo inglese Forced Entertainment in scena alle ore 21 sul sito www.romaeuropa.net, che venerdì 30 propone Cymbeline; sabato 31 Julius Caesar e domenica 1 Antony and Cleopatra.
Proseguono gli appuntamenti dedicati ai più piccoli nel weekend di Romarama. SCIENZiatE! – la manifestazione gratuita di Doc Educational dedicata alle donne che hanno contribuito alla storia della scienza a Roma – dà appuntamento al pubblico sabato 31 dalle ore 14 alle 16 presso il Parco dei Romanisti (viale dei Romanisti 200). Tra stand di dimostrazioni scientifiche per bambini e ragazzi sarà presentato il live painting della street artist Tiziana Rinaldi Giacometti, in cui la poliedrica artista realizzerà un’opera sul tema del diritto allo studio che verrà donata alla biblioteca Rugantino (info e prenotazioni alla mail thescienzezone.info@gmail.com).
Un laboratorio gratuito per conoscere i semi, scoprirne le piante d’appartenenza e i frutti che li custodiscono, è quanto prevede Piante e Animali – Tra Evoluzione e Tradizione negli Spazi Dì Natura (via Appia Antica 42) domenica 1. Consigliato dai 7 ai 12 anni, sono previsti 4 turni (ore 10; 12; 15 e 16), ognuno della durata di 1 ora (info e prenotazioni obbligatorie al numero 3474142892 e alla mail faunaurbis@libero.it).
Visita a tema al Museo di Scultura Antica Giovanni Barraccodomenica 1 alle ore 11, dal titolo Scopri con noi! – Dall’Egitto al Medioevo: un viaggio artistico tra le antiche civiltà del Mediterraneo per famiglie con bambini e ragazzi da 6 a 14 anni (prenotazione obbligatoria al numero 060608).
Si sposta on line ma non si ferma la programmazione di RIF – Museo delle Periferie, il ciclo di incontri incentrato sul tema della metropoli contemporanea previsto al Teatro di Tor Bella Monaca. Domenica 1 alle ore 11, in diretta sulla pagina Facebook https://www.facebook.com/MuseodellePeriferieAlessandro Melis terrà una lectio magistralis, a cura di Fabio Benincasa, dal titolo Comunità e resilienza nella periferia urbana.
Numerose ed eterogenee le mostre in corso, a partire da Lockdown Italia. Visto dalla Stampa Estera, l’esposizione documentaria sull’Italia durante l’emergenza Coronavirus allestita nelle sale terrene dei Musei CapitoliniSULLE TRACCE DEL CRIMINE. Viaggio nel giallo e nero Rai al Museo di Roma in Trastevere racconta le trasformazioni del genere giallo e investigativo attraverso le immagini di Viale Mazzini. La Signora dell’Arte. Opere dalla collezione di Bianca Attolico da Mafai a Vezzoli, al Casino dei Principi di Villa Torlonia e curata da Ludovico Pratesi, è dedicata al profilo e alla personalità della grande collezionista Bianca Attolico.
Al MACRO di via Nizza prosegue la mostra gratuita at. this moment, l’installazione di sculture che l’artista cipriota Phanos Kyriacou, alla sua prima personale in Italia, ha pensato per gli spazi aperti del museo. Mentre al Mattatoio è prorogata fino a domenica 1 La sottigliezza delle cose elevate, il progetto espositivo di Andrea Galvani che ha trasformato il Padiglione 9b del museo in un laboratorio interdisciplinare sui grandi interrogativi della scienza.
Per gli amanti di Alberto Sordi, imperdibile la mostra fotografica L’umanità fragile di Fondazione 3M dedicata all’attore romano alla Casa del Cinema di Villa Borghese. Fino al 28 novembre saranno esposte le immagini scattate sui diversi set, in grado di far emergere l’abilità di Sordi nel mettere in scena – attraverso i suoi celebri personaggi – le caratteristiche antropologiche dell’italiano medio.

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti