Il Museo dei Videogames apre a Roma

Vigamus, The Video Game Museum of Rome. Il 20 e 21 ottobre entrata gratuita ed estrazione di moltissimi premi
di Valentina Rifici Silvestri - 19 Ottobre 2012

Domani, 20 ottobre 2012, sarà inaugurato a Roma il Museo del Videogioco, Vigamus, The Video Game Museum of Rome.
Situato tra piazza Mazzini e piazzale Clodio, in via Sabotino 4, in uno spazio di circa 1.000 mq è il primo museo del genere in Italia.

Il pubblico godrà dell’allestimento spettacolare: pareti che rappresentano i cult dei video games, 63 pannelli illustrati nelle lingue italiana e inglese, 150 “pezzi” nella versione originale. All’interno ci sarà una mostra permanente dedicata alla storia del videogioco, che è una forma d’arte molto giovane, ma già ricca di personaggi famosi e di avventure fantastiche e divertenti. Ci saranno anche i master disk di Doom, veri e propri oggetti di culto per gli appassionati.
La sala interattiva permetterà di usare tutti i giochi di console e del Pc del passato. Si potranno provare, anche, le nuovissime tecnologie videoludiche, in continua evoluzione.

La cultura del videogioco sarà promossa attraverso convegni e seminari in collaborazione con l’Università degli Studi di Roma di Tor Vergata. Patrocinato da Roma Capitale, il Vigamus sarà al centro di un importante network europeo anche grazie alla partecipazione a EFGAMP (Federazione Europea di Musei, Archivi e Progetti di preservazione videoludica), come è stato evidenziato dal Direttore, Marco Accordi Richards, e dalla Responsabile Scientifica, Eliana Bentivegna.
Raoul Carbone, Amministratore del museo, ha dichiarato che il 20 ottobre rappresenta una data storica per tutti i videogiocatori italiani. Nelle giornate 20 e 21 ottobre i visitatori potranno entrare gratuitamente e ci sarà un’estrazione con moltissimi premi.

Prezzi: intero 8 € e ridotto: 5 €
Hanno diritto al ridotto: Visitatori dai 6 ai 14 anni di età; Visitatori dai 65 anni di età; Diversamente abili.
Gratuito: Bambini fino a 5 anni di età


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti