Dar Ciriola asporto

“Il piacere dei testi” di Francesco Sirleto alla Libreria Rinascita 2.0

Domenica 21 febbraio con l’Autore, Vincenzo Luciani, Stefano Veglianti. Lettura di testi di Ludovica Ciferri e Cristiano Ambrogini
Redazione - 21 Febbraio 2021

Presso la Libreria Rinascita 2.0 in via Dignano d’Istria 41, nel quartiere di Villa Gordiani domenica 21 febbraio, si è tenuta la presentazione del libro: Il piacere dei testi (Edizioni Cofine) di Francesco Sirleto.

L’incontro è stato introdotto dall’editore Vincenzo Luciani il quale ha ripercorso i tratti salienti della biografia dell’Autore, professore di lettere e filosofia in un liceo del V municipio che ha dedicato molta parte della su vita all’insegnamento e alla storia dei quartieri di questo versante della città. Ha illustrato i punti di forza di un libro che «merita di essere acquistato e letto perché favorisce un’immersione nella deliziosa occupazione della lettura facendo vincere la noia, in tempo di covid».

Nel volume sono pubblicati articoli e brevi saggi scritti per giornali e riviste in periodi diversi. Sono recensioni di libri ma anche articoli dedicati a concerti, a spettacoli teatrali, a viaggi che – come afferma Sirleto – hanno suscitato, oltre il suo vivo interesse, anche quel “piacere del testo” che, apparso molto presto nella sua carriera di vorace e instancabile lettore, non mi lo ha mai abbandonato.

Hanno letto con bravura brani tratti dal libro: Ludovica Ciferri, Cristiano Ambrogini.

Franco Sirleto, opportunamente sollecitato, ha confessato la sua predilezione per Borges e i romanzieri latino-americani e per Andrea Camilleri e si è soffermato su alcuni temi importanti letterari e filosofici. Ma ha poi ha manifestato le sue passioni per il teatro, la musica (classica, senza disdegnare quella contemporanea) e il cinema.

L’incontro si è concluso con un intervento di Stefano Veglianti che ha evidenziato la generosità di Sirleto sempre disponibile nella diffusione della cultura e nell’impegno per mantenere la memoria storica del territorio.

Il libro è introdotto magistralmente da Roberto Gramiccia, del quale riprendiamo la raccomandazione «di leggere con attenzione questo bel libro (…) in un periodo in cui tendono a prevalere pulsioni indirizzate alla dittatura del superfluo se non addirittura del dannoso. In una congiuntura, oltremodo pericolosa per il nostro futuro, in cui le ragioni di un possibile Umanesimo del ventunesimo secolo (l’unico in grado di salvarci) vengono ignorate, se non addirittura derise. Se lo leggerete farete una cosa buona. E, vi assicuro, non vi costerà fatica. Questa è in fondo la lezione di questo libro: leggere non è solo utile, leggere è un piacere. In questo caso un insieme di piaceri: i piaceri dei testi».

Chi è Franco Sirleto

FRANCESCO SIRLETO, è stato per circa 40 anni (dei quali 31 nel liceo Benedetto da Norcia) professore di storia e di filosofia. Si è occupato di storia locale e dei movimenti per i diritti alla casa e ai servizi sociali. È stato anche consigliere nell’ex VI Municipio. Tra le sue pubblicazioni: Le lotte per il diritto alla casa a Roma (1998), La storia e le memorie (2002), Quadraro, una storia esemplare (2005). Ha tradotto, dal tedesco, con P.S. Neri, il manuale di Patrologia di Hubertus Drobner (1998). Ha collaborato al Catalogo della mostra fotografica di Rodrigo Pais Abitare a Roma in periferia (2016).

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti