Il professor Franco Trequadrini stroncato da un infarto a 68 anni

È autore di apprezzati libri per l’infanzia e di poesia
Redazione - 1 Dicembre 2013

trequadriniIl 27 novembre 2013 , stroncato da una fulminea crisi cardiaca Franco Trequadrini, ex docente dell’università de L’Aquila, è morto nella sua casa a Castel Gandolfo in provincia di Roma, dove si era stabilito dopo il terremoto del 6 aprile 2009. Nato a Città Sant’Angelo 68 anni fa, aveva iniziato la sua esperienza accademica nell’università abruzzese dove si era laureato nel 1969.

Allievo di Emerico Giachery, era stato suo assistente, poi era passato al fronte pedagogico conquistandosi, in breve, la stima e la considerazione della comunità scientifica. Nel 1985 diede vita alla cattedra di Storia della letteratura per l’infanzia, che ben presto divenne un punto di riferimento in Italia. Nel 2005 divenne preside della facoltà di Scienze della formazione. Era riconosciuto come uno dei più autorevoli esperti in materia di fiaba, poesia e teatro per ragazzi. Impegnato anche nella critica letteraria, alla quale diede numerosi contributi. Pubblicò saggi come «Letteratura come rimpianto e come nostalgia», «Il libro e il bambino ribelle», «Invito alla fantasia». La sua cattedra aveva dato vita al Collettivo di letteratura per l’infanzia.

Di se stesso amava ripetere: «Sono un cristiano senza Chiesa, e un comunista senza partito». Poi, con la sua abituale schiettezza, aggiungeva: «Vivo male con l’arroganza, la scostumatezza e la mancanza di etica, e con le persone che non hanno nerbo».

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti