Il quartiere delle Valli, storia di un’identità romana del Novecento

Il nuovo libro di Bruno Bonomo sulla crescità della città contemporanea
di Francesco De Luca - 14 Ottobre 2008

E’ stato presentato l’11 ottobre a via di Conca d’Oro, il libro “Il quartiere delle Valli, Costruire Roma nel secondo dopoguerra” di Bruno Bonomo (Edizione Franco Angeli, Milano 2007, 18 euro).

Il volume è ospitato all’interno della collana Franco Angeli, che prova a raccontare Roma nel Novecento, cercando di verificarne le tante specificità territoriali, isola per isola. A cominciare dai nuovi quartieri man mano sorti oltre le mura che, lontani dal rimandare a “scatole vuote” di un anonimo paesaggio periferico, si propongono come altrettanti micromondi intorno a cui interrogarsi su quante identità abbiano convissuto, e convivano, al suo interno.

«Il libro – ha commentato l”autore – non si occupa soltanto della parte urbanistica ma entra nel tessuto sociale vero e proprio, raccontando la vita degli abitanti del quartiere delle Valli. Quello che abbiamo voluto fare è stato mettere in contatto diverse generazioni, i più vecchi con i più giovani, alla ricerca di un filo conduttore e di una storia omogenea che ricollegasse il passato con il presente».

«Roma è un mosaico di realtà differenti – ha confermato Lidia Piccioni, curatrice del progetto – Almeno così si presenta a chi voglia ripercorrerne la storia contemporanea dalla breccia di Porta Pia del 1870, fino alla crescita urbana del dopoguerra. Tante isole, spesso separate, che esprimono tuttavia una ben definita immagine di sé».

Il prossimo libro in uscita della collana, s’intitolerà “Piazza Bologna. Alle origini di un quartiere Borghese”, scitto da Eva Masini.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti