Municipi: , | Quartiere:

Inferno di fuoco ad Ardea: incendio devasta discarica abusiva

Il comune: "Tenete le finestre chiuse"

Un vasto incendio è scoppiato nella mattinata di oggi giovedì 20 giugno ad Ardea, un comune costiero nella provincia a sud di Roma. Le fiamme, che hanno generato una densa nube di fumo nero, sono divampate nel pomeriggio nei pressi di Tor San Lorenzo, precisamente nella zona delle Salzare, tra via Valli di Santa Lucia e via Monti di Cesavero.

L’incendio ha coinvolto una discarica abusiva di auto abbandonate, insieme a cumuli di rifiuti plastici e detriti edili. Subito dopo l’inizio del rogo, che rapidamente si è esteso su un’area di circa quattro ettari, sono intervenuti i vigili del fuoco di Pomezia, il personale della protezione civile Airone, agenti della polizia locale, altre squadre di protezione civile provenienti da Roma e i carabinieri.

A causa delle condizioni meteorologiche, le fiamme sono arrivate fino all’ex cava, incendiando i vari rifiuti presenti. Una famiglia è stata evacuata per precauzione. In serata, la situazione è tornata quasi alla normalità.

Il vicesindaco e assessore all’ambiente di Ardea, Lucia Anna Estero, ha esortato la cittadinanza alla prudenza: “Non appena avremo notizie certe sui rilievi effettuati dalle autorità competenti, adotteremo i provvedimenti necessari.

Le operazioni di spegnimento sono proseguite fino a tarda notte e questa mattina i vigili del fuoco sono ancora sul posto per completare l’intervento.”

Nel frattempo, è stato richiesto e ottenuto che Arpa Lazio installasse una colonnina per il campionamento dell’aria, ed è stato avviato anche un monitoraggio del suolo.

Attualmente, raccomandiamo ai residenti nelle zone interessate e nelle aree dove si percepisce il forte odore di bruciato di tenere chiuse porte e finestre e di lavare accuratamente frutta e verdura coltivate in zona prima del consumo”, ha concluso Lucia Anna Estero.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento