IV Municipio, un’iniziativa contro la violenza sulle donne

Esposito: un'occasione per riflettere sul femminicidio, individuando gli strumenti idonei a combatterlo"
Redazione - 20 Novembre 2013

Il 25 novembre, alle ore 10.00, presso l’ aula consiliare del Municipio Roma IV, si svolgerà un incontro con l’obiettivo di sensibilizzare e far arrivare al maggior numero possibile di donne testimoni di violenza il messaggio che non sono sole. Sarà presente come testimone Filomena Di Gennaro, vittima di violenza.

L’iniziativa è stata organizzata dalla commissione delle Elette del Municipio Roma IV.

“La Giornata internazionale contro la violenza – afferma la consigliera Stefania Esposito – deve rappresentare un’occasione per riflettere su un fenomeno purtroppo ancora drammaticamente attuale, individuando gli strumenti idonei a combatterlo.
Il 25 Novembre ha come obiettivo quello di far riflettere la società sul ruolo fondamentale delle donne che spesso nello stesso momento lavorano in ufficio, crescono i figli e badano ai parenti anziani. Se anche per un’ora o per un giorno smettessimo di svolgere queste occupazioni, avremmo attirato l’attenzione sul fatto che le donne meritano rispetto e non violenza.

Secondo me, in Italia la parola femminicidio spesso è sottovalutata, criticata. Perché racconta di un fenomeno che ancora in troppi negano, o che sia qualcosa che non li riguarda. Senza il rispetto per il nostro corpo non c’è società che tenga.
E’ triste ricordare che in Italia, nonostante la recente introduzione di norme più severe, i casi di violenza, i soprusi e le intimidazioni sono in aumento.

Tuttavia penso, che ai necessari interventi di tipo repressivo si debbono affiancare azioni concrete per diffondere, in primo luogo nella scuola e nella società civile, una concezione della donna che rispetti la sua dignità di persona. Spero che il 25 Novembre 2013 possa segnare una tappa significativa non solo per l’azione delle istituzioni ma anche per una più forte sensibilizzazione dell’opinione pubblica”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti