La magia di Rainbow Magicland approda alla stazione Termini

È la seconda volta, dopo la stazione Flaminio, che Atac e Rainbow Magicland collaborano
Redazione - 1 Giugno 2015

Per i mesi di maggio e giugno il divertimento, la magia e l’adrenalina di Rainbow MagicLand, il parco divertimenti di Roma Valmontone, investiranno gli oltre 7 milioni di passeggeri che transitano nella fermata della metropolitana Atac di Roma Termini.

L’accordo tra Rainbow MagicLand e Atac prevede la brandizzazione degli ambienti della principale stazione metro di Roma dall’ingresso di piazza dei Cinquecento fino ad arrivare alle aree di ingresso, i corridoi e le banchine, tutta la fermata della metropolitana sarà personalizzata con i colori del parco. Protagoniste della campagna le imperdibili attrazioni di Rainbow MagicLand come: Huntik 5D, Mystica, Shock, Yucatan insieme al Gattobaleno, la mascotte amatissima dai più piccoli.

navetta-rainbow-magicland-valmontone-romaIn occasione dell’iniziativa è stata posizionata una biglietteria Rainbow MagicLand nell’atrio della stazione, dove sarà possibile approfittare della promozione per l’acquisto di un biglietto intero “open” al prezzo scontato di 26€ anziché 35€. Mentre, in via Marsala, sarà presente tutti giorni la navetta che porterà il pubblico direttamente al parco.

È la seconda volta, dopo la stazione Flaminio, che Atac e Rainbow Magicland collaborano. Una scelta che conferma e rilancia la politica della domination delle stazioni, brandizzazione a tema degli ambienti del trasporto romano, che consente all’azienda di trasporto di restituire decoro agli ambienti metropolitani e recuperare risorse da investire sulla mobilità cittadina.

In passato, sempre a Termini, si ricorda la brandizzazione con Vodafone, primo esperimento di domination a giugno 2013, e poi con Car 2 Go, operatore del car sharing, a ottobre 2014. Altre esperienze di domination sono state quelle di Repubblica Teatro dell’Opera, a maggio 2014, e la stazione Ottaviano, brandizzata Cinecittà World, a settembre dello scorso anno.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti