La mappa delle fontanelle di Roma

Un percorso per aiutare la ricerca dei "nasoni"
di Maria Giovanna Tarullo - 20 Agosto 2009

Roma è conosciuta in tutto il mondo per la sua leggendaria storia, lo splendore della sua architettura e la magica atmosfera della Dolce Vita di Federico Fellini, legata al famoso bagno di mezzanotte di Anita Ekberg a Fontana di Trevi.
Ma i romani la amano, anche per un oggetto caratteristico della città le famose "fontanelle di Roma". La loro presenza caratterizza tutte le strade e piazze della capitale, se ne contano ben duemilacinquecento in tutta la città.
In dialetto romano sono più conosciute come "Nasoni", nome che deriva dalla forma caratteristica della "canna" da dove sgorga l’acqua, sempre fresca e di eccellente qualita.
Ora trovarne una nei vicoli del centro storico o nelle vie dei quartieri di periferia, grazie all’idea della squadra Energie Healthness Concept, società romana impegnata in iniziative per migliorare lo stile di vita delle persone; sarà più cosi difficile.
Gli operatori della Energie Healthness Concept hanno stilato una "Watermap" (mappa delle fontanelle di Roma) con il patrocinio dei Municipi XIII e XV, dalla Presidenza del Consiglio della Regione Lazio e dalla Provincia di Roma.
La mappa aiuterà gli abitanti e i numerosi turisti della capitale nella ricerca non solo delle fontane con acqua potabile, ma anche di quelle storiche, siti archeologici, i mezzi di trasporto e i luoghi da non perdere.
Scaricabile in pdf dal sito watermap.it, presto in un’applicazione per iPhone e google, e distribuita gratis, la mappa è stampata su carta ecologica e sarà distribuita nei maggiori snodi turistici.
Il presidente del progetto Adriano Carnebianca dichiara: "L’acqua della Capitale è la più buona d’Europa. La mappa riporta i suoi valori organolettici.
Nella Roma che accoglie 4 milioni di visitatori l’anno e fornisce gratuitamente a cittadini e turisti 1,5 milioni di metri cubi di acqua potabile ogni giorno – su cui fanno 250mila controlli ogni 12 mesi – sarebbe un peccato, non sfruttare questa guida".

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti