La Notte dei Musei a Roma e la mostra delle opere di Luminita Taranu

Con la partecipazione di S.E. Gabriela Dancău Ambasciatrice Straordinaria e Plenipotenziaria della Romania 

Tornati alla quotidianità aulica i sontuosi saloni di rappresentanza dell’Ambasciata di Romania in Italia, ripercorriamo i momenti memorabili della serata del 14 maggio 2022 e degli eventi qui svoltisi in occasione della ricorrente annuale romana “Notte dei Musei”.

È accaduto che, per la prima volta in sessant’anni, la sede romana della diplomazia del Paese amico, un lembo cioè del suolo romeno in terra straniera abbia aderito ad una celebrazione della capitale ospitante ed aperto a tutti l’extraterritorialità per far ammirare i suoi interni, e che sempre per la prima volta, una nuova Ambasciatrice della Romania abbia incontrato così tanti connazionali, stranieri, ed anche un eterogeneo flusso di persone, la maggior parte desiderosa di scoprire, nella nuova Signora del palazzo, attesi nuovi tratti di simpatia, cordialità e disponibilità; infine, ancora per la prima volta, che una valorosa rappresentante della cultura artistica romena, Luminița Țăranu,  abbia riscosso l’ambito riconoscimento di essere invitata a presentare sue opere, durante una così importante celebrazione, e nell’esclusiva sede diplomatica della propria Patria di origine.

Noi, accolti con il nostro piccolo seguito tecnico dal consigliere d’Ambasciata Ovidiu Pufu nei già affollati saloni, abbiamo atteso S.E. Gabriela Dancau l’ambasciatrice che, fresca del decreto di nomina del presidente Klaus Iohannis, Ambasciatrice di Romania presso la Repubblica Italiana e il Sovrano Ordine di Malta, avrebbe dato l’incipit ufficiale alla Notte romana dei Musei.

E l’Ambasciatrice non si è fatta molto attendere dal folto pubblico che, accolta con una deferenza oseremmo dire affettuosa, ha anche lei decantato l’architettura interna con i suoi raffinati particolari di quello che fu parte del casino di Villa Peragallo, costruita nel 1922 su progetto di Marcello Piacentini (1881/1960), urbanista e accademico italiano, protagonista dell’architettura italiana nel trentennio 1910-1940. L’occasione è stata anche propizia per incontrare, conoscere ed intrattenersi brevemente con molti suoi connazionali per ascoltarne con evidente interesse storie ed esigenze, non tralasciando una particolare attenzione a Luminița Țăranu ed alle sue opere, che intorno spiccavano con le loro rappresentazioni figurative, i cromatismi, la tendenza all’essenzialità dell’artista, nelle grandi campiture come nelle più piccole.

Adotta Abitare A

Alla memorabile serata hanno partecipato personalità di spicco: S.E. Gabriela Dancău Ambasciatrice Straordinaria e Plenipotenziaria della Romania presso la Repubblica Italiana, l’Ordine di Malta e San Marino e l’Ingegnere Dott. Constantin Dancău suo consorte; l’Architetto Pietro Bagli Pennacchiotti che ha allestito la mostra “METAMORFOSI” e consorte dell’artista Luminița Țăranu; l’Architetto Lorenzo Bagli Pennacchiotti figlio dell’artista; l’Avv. Lucio Maria Putti legale della Provincia Euro-Mediterranea della Compagnia di Gesù, per Albania, Italia, Malta e Romania e consorte Dott.ssa Maria Adele Rogai Addetta all’Accademia Araba d’Egitto in Roma; il Prof. Rinaldo Santonico Professore Onorario del Dipartimento di Fisica dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” associato a INFN e INAF per l’attività di ricerca premiato nel 2018 dalla American Physical Society per il rivelatore RPC (Resistive Plate Chamber) membro del Consiglio di Dottorato dell’Università UNINETTUNO e consorte Dott.ssa Mary Censa Ferrer  già ricercatrice dell’ INFN – Laboratori Nazionali di Frascati; la Dott.ssa Oana Bosca-Malin, Vicedirettrice responsabile per i programmi di promozione culturale dell’Accademia di Romania in Roma con lo staff dell’Ambasciata di Romania in Italia; l’Architetto Claudio Presta, Studio PRESTA specializzato in rilievo digitale per l’edilizia e consorte, la fotografa Silvia Massotti editore e direttrice di Timìa Edizioni, sig. Marco Pouchain del Gruppo Ppuchain, che opera nel settore del restauro, della nuova edilizia e della progettazione e consorte Sig.ra Silvia Salama Pouchain Presidente del Progetto espositivo #EX_TRA, il Sig. Gastone Morani, esperto e produttore di enogastronomia e consorte Dott.ssa Claudia Montanari,Psicoterapeuta Presidente della Federazione Scuole e Istituti di Gestalt e Direttore della Scuola di Specializzazione in Psicoterapia ASPIC, la Dott.ssa Elena Postelnicu, giornalista e corrispondente di Radio Romania Actualități in Italia, il Geom. Roberto Gatta e consorte Sig.ra Raffaella Fiorenza della CO.RE.MA. Restauri 2000 SRL di Roma, specializzata in ristrutturazione, progettazione, costruzione e restauro, l’Architetto Stefano D’Avino Professore Associato Restauro, Dipartimento di Architettura dell’Università di Chieti – Pescara, Prof. Bruno Mazzoni Professore Onorario dell’Università di Pisa, linguista e traduttore di molti autori romeni in italiano; l’Architetto Adolfo Virdis e consorte Sig.ra Rosaria Aramu funzionario dell’Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa”; la Dott.ssa Cinzia Folcarelli, critico di arte moderna e contemporanea e consorte il Sig. Stefano Marconi, funzionario Atac; la Dott.ssa Doriana Stefanini, tecnica di fotografia al Liceo Cine Tv Rossellini di Roma; l’Architetto Ercole Lupi; Daniela Rocchi docente di italiano e scrittrice; l’Architetto Gaetano Pulita; la pittrice Doina Botez e consorte Dott. Adrian Iancu psicologo, psicoterapeuta, sessuolgo consulente AIED; il Gruppo Vocale “Arpeggio” che annovera prestigiose collaborazioni con istituzioni romene all’estero; la Sig.ra Andreea Burdușă, proprietaria dell’albergo Corso Grand Suite in Via del Corso a Roma e la figlia Cezarina Ioana; la Dott.ssa Raluca Eclemea Popescu Primo Collaboratore dell’Ambasciata di Romania in Italia; il Dott. Ovidiu Pufu, Ministro Consigliere Coordinatore Sezione Politica e consorte Dott.ssa Luiza Pufu, Consigliere diplomatico, Responsabile per la comunicazione, dell’Ambasciata di Romania in Italia; rappresentati italiani nel campo degli affari sociali; Miruna Căjvăneanu, giornalista e blogger, collaboratrice Rotalianul e fondatrice Rozoom Press.

Luminița Țăranu vuole ringraziare le personalità che hanno plaudito all’iniziativa dell’Ambasciata di Romania in Italia per la partecipazione all’evento “Notte dei Musei” con la mostra dell’artista Luminița Țăranu:

la Dott.ssa Adina Lovin, Incaricato d’Affari ad Interim dell’Ambasciata di Romania presso la Santa Sede e il Sovrano Militare Ordine di Malta; la Dott.ssa Lucrezia Ungaro Curatore Archeologo presso Roma Capitale già Responsabile della Valorizzazione dei Musei Archeologici, Sovrintendenza Capitolina Beni Culturali di Roma; Prof. Grigore Arbore Popescu, critico d’arte e scrittore, Direttore dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia; Dott.ssa Claudia Lazăr, Addetta alle Relazioni istituzionali IRCRU Venezia; Prof. Theodor Damian del Metropolitan College of New York, Presidente dell’Istituto Romeno di Teologia e Spiritualità Ortodossa di New York, Direttore della Rivista di Cultura e Spiritualità Romena “Lumina Lina/Gracious Light”; Dott.ssa Maria Paola Del Moro, Responsabile Ufficio mostre e Didattica Museo dei Fori Imperiali – Mercati di Traiano – Sovrintendenza Capitolina Beni Culturali di Roma; Prof. Giorgio Di Genova, storico e critico d’arte moderna e contemporanea; Prof. Alberto Dambruoso, storico e critico d’arte; Dott. Maurizio Vitiello, critico d’arte e sociologo.

Per i loro omaggi:

Dott.ssa Iuliana Anghel di Radio Romania International;  Dott.ssa Lidia Cotovanu, ricercatrice di Storia dell’Istituto “N. Iorga” dell’Accademia Romena a Bucarest e EHESS  a Parigi; Dott.ssa Magda Cârneci, critico d’arte e redattore capo della rivista ARTA di Bucarest; Ing. Ovidiu Burdușă, manager dell’albergo Corso Grand Suite in Via del Corso a Roma; il critico d’arte e poeta Ionel Bota, Direttore Centro Culturale e Complesso Museale “Teatrul Vechi Mihai Eminescu” di Oravița, direttore della Rivista di cultură europeană „ARTE” e presidente della filiale România del  Cleb Mitteleuropa; Arch. Carlo Lufrano; Elisabeth Tronhjem scultrice; Dott. Vittorio Guidi, curatore del Museo Ugo Guidi di Forte dei Marmi; Dott.ssa Marzia Mosca di Art Forum Wurth Capena.

 

Foto n 1 – Luminita Taranu  

Foto n. 2 – S.E. Gabriela Dancau e il Coro Arpeggio

Foto n 3 – la dott.ssa Oana Bosca Malin, V. Direttrice Accademia di Romania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati