Laurentina-Tor Pagnotta. E filobus fu…

L'8 luglio 2019, è stato "finalmente" inaugurato il filobus alla presenza della sindaca Virginia Raggi. Ecco alcune criticità del progetto
Brunella Bassetti - 9 Luglio 2019

Dopo quasi dieci anni tra progetti e lavori di realizzazione, ieri mattina 8 luglio 2019, è stato “finalmente” inaugurato il filobus Laurentina-Tor  Pagnotta alla presenza della sindaca Virginia Raggi.

Circa undici chilometri di preferenziale (tra andata e ritorno) che, in tutto questo periodo, sono diventati, alternativamente, “croce e delizia” per i residenti dei vari quartieri interessati dal nuovo piano della mobilità.

Sebbene lodevole nelle intenzioni: collegare quartieri periferici con l’utilizzo di filobus per ridurre le emissioni di inquinanti nell’aria; il “progetto”, tuttavia, presenta delle criticità che si paleseranno, ancora di più, quando la tratta entrerà a pieno regime.

Cerchiamo di vederne alcune:

1) Mancanza di parcheggi di scambio sebbene previsti in fase progettuale. A Fonte Laurentina (via Brunetti), per esempio, l’unico parcheggio utilizzabile è quello previsto per le scuole.

2) La via Laurentina in alcuni tratti, con l’introduzione della corsia preferenziale per il filobus, è stata ridotta ad una sola corsia. Ciò causerà rallentamenti e traffico sempre più congestionato. Traffico che aumenterà notevolmente, da settembre in poi, con l’apertura del nuovo centro commerciale “Maximo”, uno dei più grandi d’Europa.

3) Il quartiere Giuliano Dalmata è stato isolato chiudendo due passaggi in via Cippico e via dei Sommozzatori.

4) La revisione e il depotenziamento dei percorsi delle altre linee e la  creazione di nuovi collegamenti nell’intero quadrante (così come presentati in questi giorni) rischia di isolare interi quartieri  (Laurentino 38, per esempio) o creare ulteriori disagi (due mezzi piuttosto che uno per arrivare a una fermata della metropolitana) per  chi usa i mezzi pubblici.

Naturalmente solo il “tempo” sarà galantuomo…

L’opera, come al solito “innovativa”, avrebbe dovuto sostituire il prolungamento Laurentina-Trigoria della Metro B. Si è rivelata, invece, un’opera utile solo a sfatare il mito secondo cui esistano delle “alternative più economiche, più ecologiche e più veloci da costruire delle metro”.  Un mito elaborato ad arte da chi, semplicemente, vuole
disinvestire sulle infrastrutture, tentando maldestre soluzioni al ribasso.

 

Brunella Bassetti


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti