Lazio, “Regione vicina”: aiuti alle persone e alle imprese

Illustrati nella videoconferenza stampa –  in diretta suFacebook – dal presidente Nicola Zingaretti, del vice presidente Leodori e dall'assessore Sartor
Rosa Valle - 3 Aprile 2020

“Regione vicina”, il pacchetto di misure della Regione Lazio a sostegno di famiglie e imprese in difficoltà a causa del coronavirus, è stato presentato oggi, 3 aprile 2020, nella videoconferenza stampa –  in diretta suFacebook – dal presidente Nicola Zingaretti, del vice presidente Leodori e dall’assessore Sartore.

“Un pacchetto di assoluto rilievo – ha commentato il governatore – 230 milioni di euro di risorse regionali che attiveranno sulla parte finanziaria circa 500 milioni euro per il credito al sistema imprenditoriale”.

Il vicepresidente Leodori ha illustrato punto per punto Le risorse economiche stanziate. Tre i filoni di intervento: aiuto alle persone e alle famiglie, ai lavoratori, alle imprese.

Aiuti alle persone: buoni spesa e buoni affitto

Buoni spesa. Stanziati, già prima dell’emergenza coronavirus, 19 milioni di euro, 12 per per i singoli comuni, 7 in particolare destinati a Roma. Questi fondi si aggiungono a quelli già finanziati dal Governo e saranno erogati attraverso i Comuni come “buoni spesa”.

Istituito un servizio gratuito di consegna a domicilio della spesa agli anziani attraverso le associazioni del Terzo Settore (stanziati 2 milioni).

Buoni affitto. Stanziati 22 milioni per buoni affitto e riguarderanno chi ha subito una riduzione del 50% del reddito familiare nel periodo compreso tra il 23 febbraio e il 31 maggio 2020 e che non abbia in complessivo per questi 3 mesi un reddito familiare superiore ai 7mila euro. Erogabili con autocertificazione e attraverso i Comuni.

Contributi alle scuole per lezioni on-line. Stanziati 3.500.000 euro per le lezioni on line delle scuole. Ad oggi hanno aderito 114 istituti e sono stati erogati 300 mila euro.

Lavoro: cassa integrazione e smart working

Sono 20.000.336 le domande per la cassa integrazione in deroga arrivate oggi alle ore 12 sul sito della Regione, per un totale di quasi 50mila lavoratori e un impegno di spesa di 90,8 milioni di euro. Questi fondi sono quelli arrivati dal Governo centrale.

“Si tratta di una prima tranche di 144,5 milioni – ha spiegato Leodori – che arriverà a 380 totali”. Delle domande arrivate, “il 94,1% riguarda piccole aziende con meno di 5 dipendenti”. Per velocizzare l’erogazione dei soldi la Regione ha aderito all’accordo nazionale con l’Abi (Associazione bancaria italiana) per l’anticipo degli stipendi. “Siamo in attesa della definizione dell’accordo e delle tempistiche”. 

Smart working, per aiutare le piccole aziende che non avevano gli strumenti adeguati, è partito un bando per ditte fino a 30 dipendenti e per comuni fino 50mila abitanti, i contributi vanno da un minimo di 2.000 euro fino a un massimo di 22.500 euro. La domanda può essere fatta fino al 20 aprile.

Interventi per le imprese

Interventi finanziari.”Tra gli strumenti di credito agevolati – ha spiegato il Vicepresidente – il primo sono 100 milioni di euro per prestiti da 10mila euro per ogni azienda a tasso zero, distribuiti tramite Artigiancassa”. Il bando verrà pubblicato il 9 aprile e sarà reperibile on-line nell’apposita sezione della piattaforma Fare Lazio. Le domande dovranno essere presentate dal 10 al 20 aprile per la  fase preistruttoria e dal 20 aprile (ore 10:00) per l’erogazione dei contributi. La restituzione avverrà, dopo i primi 12 mesi di erogazione, in 5 anni.

Si aggiungeranno poi altre due linee di finanziamento, più mirate alla ripresa, una da attivare con la Banca europea degli investimenti e la rete di banche regionali; la seconda da definire insieme alla Camera di Commercio tramite 10 milioni di euro del Fondo centrale garanzia del Lazio. 

Congelati i mutui per 4mila aziende e per 12 mesi i rimborsi da parte delle aziende che hanno ottenuto prestiti tramite bandi regionali. 

Affitti. Stanziati 23 milioni per contributi (a fondo perduto) agli affitti per esercizi commerciali e artigianali per cui si sta definendo con la Camera di Commercio le modalità più rapide di erogazione. 

Stanziati, infine, contributi per il settore agricolo: 5 milioni al settore florovivaistico e altri 5 per sostenere la produzione del latte bovino e bufalino.

Stop bollo auto e altre tasse regionali

Tra le misure in campo anche la sospensione per tre mesi del bollo auto, dell’Iresa (imposta regionale sulla emissioni sonore degli aeromobili civili) e dell’Irba (imposta regionale sulla benzina per autotrazione)

Nel video la video conferenza del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, del vice presidente Leodori e dall’assessore Sartore. Le domande dei giornalisti

 

Conferenza stampa Zingaretti

La regione vicina alle persone

Pubblicato da Regione Lazio su Venerdì 3 aprile 2020


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti