Le piste ciclabili a Roma e nel V municipio: i proclami e la realtà

Dal degrado attuale al "fiore all'occhiello" auspicato dal presidente Boccuzzi, c'è una strada irta di ostacoli e difficoltà
Alessandro Moriconi - 13 Settembre 2018

Non possiamo iniziare questo articolo senza dire che questo importante appuntamento presso la Casa della Cultura di via Casilina non ha avuto da parte del Municipio Roma V la giusta e doverosa visibilità, non fosse altro che per la partecipazione all’evento della Sindaca Virginia Raggi, dell’assessore alla mobilità Linda Meleo e del presidente della commissione permanente capitolina sulla viabilità Enrico Stefàno.

Nel suo intervento tra l’altro affidato alla rete attraverso una diretta su Fb il presidente del municipio Giovanni Boccuzzi ancor prima di veder almeno avviati i lavori ha, con enfasi, definito la Pista Ciclabile di via Prenestina come “il vero prossimo fiore all’occhiello” tra tutte le realizzazioni del municipio.

Il tracciato della pista non dovrebbe essere particolarmente invasivo in quanto non realizzato con cordoli delimitanti ma con dei semplici “occhi di gatto” che essendo catarinfragenti dovrebbero anche consentire un’ottima visibilità nelle ore notturne. Sul percorso da Porta Maggiore a via E. Giovenale saranno sicuramente trovate delle soluzioni in quanto la sede stradale si restringe notevolmente. Rimane tuttavia il mistero della collocazione delle auto che attualmente sostano sul lato destro su tutto il percorso.

Il progetto parla di un percorso che va da Porta Maggiore alla P. Togliatti e non sarebbe male conoscere dall’amministrazione comunale e municipale sia il progetto che i tempi per il raccordo della ciclabile da via Prenestina a quella già esistente della Togliatti che inizia subito dopo l’attraversamento con via dei Gelsi/Molfetta. L’altro raccordo da realizzate sarà quello da via Papiria a via Tuscolana.

Inutile dire che a distanza di qualche anno dalla sua realizzazione, cosa peraltro comune a quasi tutte le ciclabili romane, l’area si presenta degradata, con erbe infestanti e rifiuti di ogni genere, frutto di un utilizzo improprio da parte dei rottamatori e dello stazionamento anche per molte ore di camper con decine di persone al seguito. Trovandosi poi la ciclabile sotto i pini la stessa è praticamente piena di aghi. Ad oggi e da anni non esiste un programma di pulizie periodiche ne da parte del Servizio Giardini e ne da parte dei due Municipi competenti (V e VII).

Alcune sere fa durante la trasmissione Voci di Roma sul canale 86 del digitale terrestre condotta da Leo Marrani è stato affrontato anche il problema della costruenda Pista Ciclabile su via Tuscolana dove nei giorni scorsi è partito il primo step. Un’opera che costerà oltre 400.000 € ed inevitabilmente creerà non pochi problemi alla viabilità in una strada dove il traffico veicolare è a dir poco pesante e sia alla sosta. Infatti, come su via Prenestina, sono migliaia le auto che sostano sul lato destro della carreggiata, oltre ovviamente alle centinaia di cassonetti per i rifiuti presenti. In una delle foto che pubblichiamo c’è quella della realizzazione di uno stallo per la fermata del bus la cui realizzazione è stata fatta oltre lo spazio riservato alle bici e quindi con un ulteriore restringimento di carreggiata durante l’effettuazione della fermata.

Purtroppo ad oggi non trova spazio un progetto del Settimo Biciclettari teso, con una spesa decisamente bassa rispetto alle cifre che girano su quelle stradali, a ricollegare  in sicurezza tutte e ciclabili già presenti nei Parchi Romani che vanno dalla Caffarella al Parco degli Acquedotti e a quello dell’Appia Antica. Un circuito di alto valore ambientale e culturale che richiamerebbe, quello si, migliaia di ciclisti anche stranieri che ogni giorno visitano la nostra città.

Al presidente Boccuzzi che ha definito un Fiore all’occhiello la ciclabile sulla Prenestina noi suggeriremmo prudenza… dietro queste scelte potrebbe nascondersi l’inferno!

Qui sotto tre immagini di piste Ciclabili a Valencia Spagna .. su un marciapiede e su strada.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti