Lev Shomeà (I Re 3, 9) «Un Cuore Ascoltante» alla Biblioteca Nazionale Centrale

La presentazione del libro di Michele Bianco il 4 novembre 2019 ore 16:30, Sala 1
Redazione - 30 Ottobre 2019

Lev Shomeà (I Re 3, 9) «Un Cuore Ascoltante» di Michele Bianco (Biblioteca Sinestesie) sarà presentato il il 4 novembre 2019 ore 16:30, Sala 1 della Biblioteca Nazionale Centrale.

Saluti di Andrea De Pasquale, Direttore della Biblioteca nazionale centrale di Roma

Introduce e coordina

Milena Montanile, Università di Salerno

Intervengono

Rino Caputo, Università di Roma “Tor Vergata”

Angelo Fàvaro, Università di Roma “Tor Vergata”

Cristiana Freni, Università Pontificia Salesiana di Roma Alberto Granese, Università di Salerno

Sarà presente l’autore: Michele Bianco, Università di Bari “Aldo Moro”

Con un approccio poliottico, multiprospettico e interdisciplinare filosofico e teologico, in uno snodo storico-teoretico, i saggi offrono un panorama completo, in grado di coprire quasi l’intero arco della storia letteraria da Dante a Luzi, presentando una “visione globale del mondo della fede” (Weltanschauung religiosa) come relazione all’Altro/Oltre inteso come epifania del divino o teofania negli autori che accettano la rivelazione come duplice aspetto costitutivo della fede cristiana, la fides qua e la fides quae, e come orientamento all’epifania del Mistero, ierofania o epifania del sacro, che rende possibile l’avventura spirituale del poeta o scrittore in quanto uomo religioso aperto all’Oltre, prescindendo dalla formale adesione al credo ufficiale della chiesa. Di dottrina cattolica, apostolica e romana si può parlare per la “poesia teologica” di Dante, per il romanzo di Manzoni, per le liriche di Luzi e, pur con le conflittualità interiori, per le opere di Petrarca e di Tasso; mentre per Carducci, Pascoli, d’Annunzio e Pasolini, che insistono sul cristianesimo sociale e su una visione sacrale della vita e del cosmo, vi è il rifiuto dei dogmi e della metafisica tradizionali, dovendosi escludere una visione non religiosa o atea della vita. Dio, invocato o taciuto, col suo nome o no, presente o assente, è sempre di casa quando la letteratura si avvicina alla soglia estrema del dire in cui la religio è parte essenziale dell’atto letterario come ispirazione religiosa che perviene alla prossimità del divino, che è lo stigma di ogni vocazione letteraria. La stessa “esperienza” del sacro può manifestarsi per la sua assenza come avviene in Goldoni. La religiosità civile si palesa anche riguardo alla Patria, celebrata liturgicamente da d’Annunzio, Pascoli e Carducci, e, più realisticamente, nei suoi problematici assetti territoriali, nel primo ventennio postunitario nella «Nuova Antologia» del Vieusseux. I saggi sono corredati da una meticolosa indagine terminologica del lessico che consente a Bianco una vera e propria radiografia dell’anima degli autori esaminati e un pieno consentimento.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti