L’omaggio a Gigi Proietti nel suo Tufello

Il murale di Lucamaleonte dedicato al popolare attore sulla facciata di una palazzina Ater in via Tonale 6
Redazione - 11 Novembre 2020

Oggi pomeriggio in Via Tonale l’assessore regionale alle Politiche Abitative, Massimiliano Valeriani, il Ceo della AS Roma, Guido FiengaAndrea Napoletano, direttore di Ater Roma, e l’artista Lucamaleonte hanno inaugurato l’opera dedicata a Gigi Proietti.

“Regione Lazio, Ater, AS Roma, Fondazione Roma Cares, con la preziosa collaborazione della Fondazione Pastificio Cerere, sono orgogliose di presentare “D’après Gigi”, il nuovo murales di Lucamaleonte dedicato a Gigi Proietti.
L’opera è realizzata sulla facciata di una palazzina di un lotto Ater – situata in via Tonale 6 nel cuore del Tufello – in cui l’attore ha trascorso la sua infanzia”. Così in un comunicato la Presidenza della Regione Lazio.

Dar Ciriola asporto

L’imponente ritratto, che si sviluppa su una superficie di 11×15 metri, nasce dalla volontà di Regione e As Roma di omaggiare il grande artista, rispondendo anche alla richiesta degli abitanti del popolare quartiere romano di celebrare la memoria del loro amatissimo “vicino di casa” con un segno che potesse renderne indelebile il ricordo.

Un tributo ad un attore straordinario, che è stato capace di eliminare qualsiasi distinzione tra cultura alta e bassa, facendo ridere e divertire generazioni di italiani, ribadendo sempre l’importanza della cultura quale elemento fondamentale per la crescita sociale e civile. In questo desiderio di restituire l’immagine di una personalità così ricca e poliedrica, non poteva mancare un accenno alla fede calcistica di appartenenza, attraverso i colori della sua squadra del cuore: la Roma.

“Con quest’opera vogliamo celebrare un artista innamorato della sua città, un maestro immenso che ha saputo donare un sorriso a milioni di persone. Insieme alla Fondazione Roma Care dell’As Roma e all’Ater abbiamo voluto portare il ricordo di Gigi Proietti nel quartiere in cui è cresciuto”, ha dichiarato Massimiliano Valeriani, assessore alle Politiche Abitative della Regione Lazio.

“Siamo orgogliosi di omaggiare Gigi Proietti con questo murale nel cuore del Tufello. Proietti considerava le periferie il primo laboratorio del cambiamento: anche per questo oggi siamo felici di poter imprimere, con il sostegno della nostra Fondazione, l’immagine di questo straordinario artista, romano e romanista, nel quartiere dove è cresciuto”, ha aggiunto il Ceo della AS Roma, Guido Fienga.

“Ater ha voluto mettere a disposizione la facciata di uno dei propri edifici dei lotti dove Proietti è vissuto per la realizzazione di questa opera a omaggio e testimonianza d’affetto della città e del suo quartiere a un talento unico, a un gigante di commedia, dramma, cinema e teatro”, ha concluso Andrea Napoletano, direttore generale di Ater Roma.

Il video

Il video inizia al minuto 1:10

Biografia di Lucamaleonte

Lucamaleonte (1983) nasce a Roma dove vive e lavora. Laureato all’Istituto Centrale per il Restauro, approda al movimento della Street Art nel 2001. Appassionato studioso della Storia dell’arte, la pratica del disegno e della pittura lo accompagnano sin da piccolo. I suoi primi lavori che compaiono per strada sono degli stickers homemade, comincia così a utilizzare le prime maschere e capisce che lo stencil è la tecnica migliore per poter produrre le sue opere. Nel suo curriculum si contano oltre cinquanta mostre tra personali e collettive dal 2004 ad oggi: dal Cans Festival a Londra promosso dal guru della street art internazionale Tristan Manco, all’imponente street art group show Scala Mercalli all’Auditorium di Roma, all’esposizione itinerante Twenty Street Artists commissioned by Green Day negli States. Lucamaleonte è stato invitato a esporre in tutto il mondo, da Milano a Melbourne e Adelaide, passando per Berlino, Parigi, e New York. Con il collettivo francese Stencil History X, l’artista ha esposto nelle principali capitali europee, da Londra a Barcellona. Non solo artista, ma anche promotore della street…


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti