L’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto a Roma

Dal 3 al 12 maggio 2019, al Teatro Arcobaleno (Centro Stabile del Classico)
a cura di Bruno Cimino e Bruna Fiorentino - 25 Aprile 2019

Riduzione e regia Vincenzo Zingaro – con Vincenzo Zingaro, Laura Jacobbi, Filippo Velardi – musiche originali Giovanni Zappalorto – ensemble musicale: Giovanni Zappalorto (Pianoforte), Francesca Salandri (flauto), Michele Campo (violino), Irene Maria Caraba (violoncello).

Dal 3 al 12 maggio 2019, al Teatro Arcobaleno (Centro Stabile del Classico) di Roma, dopo lo straordinario successo ottenuto con “EPOS: Iliade, Odissea, Eneide”, rappresentato ai Mercati Di Traiano – Museo Dei Fori Imperiali, Vincenzo Zingaro condurrà gli spettatori nell’avvincente mondo dell’Epica cavalleresca, attraverso quello che fu definito da Voltaire “il poema che è insieme l’Iliade, l’Odissea e il Don Chisciotte”: l’Orlando Furioso, di Ludovico Ariosto, una delle massime espressioni letterarie e poetiche di tutti i tempi.

Sullo sfondo della guerra tra i cristiani, guidati da Carlo Magno e i saraceni, seguiremo la vicenda di Orlando, il più valoroso dei paladini che, innamorato della bellissima Angelica (bramata da ogni cavaliere), mette a repentaglio le sorti dei suoi, per inseguirla, fino a scoprire ciò che lo renderà pazzo. Solo il viaggio di Astolfo sulla Luna, il luogo dove sono custodite tutte le cose che gli uomini perdono, consentirà ad Orlando di riacquistare il senno perduto.

Tra battaglie, amori, magia e viaggi fantasiosi, l’Orlando Furioso rappresenta uno straordinario affresco degli innumerevoli aspetti della nostra esistenza, trasfigurati attraverso un linguaggio poetico dal ritmo multiforme, in una continua alternanza di ironia e tragicità, di fantasia e realtà, in cui è possibile riconoscere tormenti, debolezze, passioni e aspirazioni di ognuno di noi.

Nella sua messinscena dell’Orlando furioso, Vincenzo Zingaro, attraverso una studio approfondito del “Verso”, al quale si dedica da molti anni, rinnova la forma originale di una tradizione che esprimeva tutta la sua potenza evocativa nell’incantamento orale, in simbiosi con la musica: come gli aedi nell’antica Grecia narravano le gesta della guerra di Troia, così i cantori medievali narravano le chanson de geste. Vincenzo Zingaro, pertanto, con il compositore Giovanni Zappalorto, elabora lo spettacolo come una raffinatissima partitura concertistica, come un’opera da camera, in cui la musica si interseca col “verso” senza soluzione di continuità, in un continuo fraseggio che ne amplifica tutto il potenziale immaginifico. La parola e la musica si fondono e si “scontrano”, dando vita a un grande viaggio dell’anima. Recuperare il senso profondo della Poesia nella società contemporanea, tristemente omologata e dominata da logiche prevalentemente economiche, secondo Zingaro, rappresenta un “atto rivoluzionario” necessario, che va diffuso e incentivato.

L’evento è promosso dalla Società Dante Alighieri, la più prestigiosa Istituzione per la cultura italiana nel mondo, che nel 2009, presso il Vittoriano, per la rappresentazione di “Adelchi” di Alessandro Manzoni, ha conferito a Vincenzo Zingaro la benemerenza per l’Arte e la Cultura italiana, con medaglia d’oro.

 

INFO

TEATRO ARCOBALENO (Centro Stabile del Classico)

Via F. Redi 1/a – 00161 Roma –

Tel./ Fax 06.44248154 – Tel. 06.4402719

info@teatroarcobaleno.it –

www.teatroarcobaleno.it

 

a cura di Bruno Cimino e Bruna Fiorentino


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti