Macro Summer 2011

Il direttore Barbero saluta il Macro con 16 mostre di altissima qualità
di Alessandra De Salvo - 28 Giugno 2011

Con Macro Summer 2011 Luca Massimo Barbero lascia la direzione del Macro e lo fa in grande stile presentando 16 mostre di altissima qualità. Il critico d’arte piemontese che, con l’apertura della nuova ala di Odile Decq, ha traghettato il Museo d’Arte Contemporanea di Roma dalla sua fase embrionale a quella di splendida farfalla lascia ora la creatura a cui per due anni ha dedicato tutte le sue energie ed entusiasmi.

Nella lettera di dimissioni irrevocabili inviata il 19 maggio al sindaco Alemanno, Barbero ha sottolineato i successi raggiunti “50 mostre, più di 20 pubblicazioni, un enorme successo di pubblico – oltre 110.000 visitatori dal 3 dicembre 2010, data di apertura della nuova ala – e un’attenzione sempre più costante e significativa dell’opinione pubblica e della stampa locale, nazionale e internazionale” e si è dichiarato sereno nel “lasciare il Museo con una programmata continuità espositiva che garantirà all’Amministrazione i tempi e il respiro per decidere il futuro di questa straordinaria istituzione”.

E mentre il direttore lascia senza apparenti polemiche né strappi, si accavallano le voci sui veri motivi della decisione presa. Tra le cause ci sarebbero problemi con la giunta comunale romana: difficoltà per ottenere i fondi, la cronica insufficienza di quelli stanziati, ingerenze politiche sulla programmazione del museo e le difficoltà burocratiche incontrate nell’istituzione della Fondazione.

Con Macro Summer 2011 Barbero si lascia le polemiche alle spalle e con la sua grande abilità di curatore di mostre regala un’ennesima dimostrazione della vitalità del contemporaneo. Sedici le mostre in programma che animano ogni angolo del museo. Si parte dalla Sala Enel con "Cloudy Dunes, When Friedman Meets Bucky on an Air-Port-City", le nuvole realizzate con 18 km di tubi per cavi elettrici da Tomas Saraceno, si passa per “GLORY II. Le lacrime dell’angelo” di Pietro Fortuna nella Macro Hall e si arriva alla terrazza che ospita “Xenia” di Vittorio Corsini e “All is violent. All is bright” due grandi installazioni di Adrian Tranquilli una delle quali posizionata sul tetto della sala conferenze.

Nelle sale del museo si alternano invece: Guendalina Salini e Marinella Senatore per il progetto Roommates / Coinquilini, “Bice Lazzari L’equilibrio dello spazio” per "Radici del contemporaneo", Vittorio Messina per MACROwall: EIGHTIES ARE BACK!, Flavio Favelli con “L’Imperatrice Teodora” per le pareti curve del Macro, Riccardo De Marchi con “Fori Romani”, Giovanni De Angelis e il suo progetto fotografico "Water Drops", Esther Stocker con “Destino Comune”, una fitta installazione composta da segni di scotch nero, Giuseppe Stampone con “Saluti dall’Aquila”. Il Crdav (Centro ricerca e Documentazione arti visive) ospita “1900-1959 il luoghi dell’arte contemporanea a Roma”, i vani dell’ascensore dell’area storica accolgono “La rivincita dell’angolo” di Carlo Bernardini, nel V-tunnel del foyer principale vengono proiettati i video di “She Devil”, rassegna video di arte tutta al femminile e la sala bianca, punto di congiunzione tra l’antico e il nuovo edificio del museo, presentata “La collezione e i nuovi arrivi”.

Il Macro propone così una stagione estiva ricca di arte e grandi firme in vista del nuovo cambio al vertice, dall’autunno prossimo sarà infatti un nuovo direttore, Bartolomeo Pietromarchi, che sarà presentato alla stampa il 4 luglio, a prendere le redini del museo di Arte Contemporanea di Roma.

Le foto di Federico Ridolfi: 1- Conferenza stampa Macro Summer 2011. 2) Cloudy Dunes, When Friedman Meets Bucky on an Air-Port-City di Tomas Saraceno. 3) All is violent. All is bright di Adrian Tranquilli. 4) Destino Comune di Esther Stocker.

MACROSUMMER 2011. Dal 25 giugno al 30 ottobre
MACRO Via Nizza, 138, Roma
Orari: martedì – domenica 11-22 (la biglietteria chiude alle 21) Chiuso il lunedì
Biglietto:MACROTICKET: MACRO + MACROTestaccio, Intero: € 11,00; Ridotto: € 9,00. Valido 7 giorni
(acquistando il biglietto al MACRO si ha la possibilità di visitare anche il MACRO TESTACCIO nell’arco di 7 giorni)
Per i cittadini residenti nel Comune di Roma: Intero € 10,00; Ridotto € 8,00

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti