Municipi: , | Quartiere:

Velletri, mamma troppo ‘riguardosa’ porta cocaina al figlio detenuto nel carcere: Arrestata

La donna sorpresa dalla polizia penitenziaria

Una mamma evidentemente troppo riguardosa per il figlio, porta la droga in carcere, ma viene arrestata. Momenti di tensione nel carcere di Velletri, dove il personale di Polizia Penitenziaria ha sequestrato droga ben occultata da parte di una madre ammessa in carcere per un colloquio con il figlio detenuto. A ricostruire i fatti ci ha pensato Maurizio Somma, segretario nazionale per il Lazio del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria.

“Nella tarda mattinata, la madre di un detenuto che aveva fatto ingresso in carcere per il colloquio con il figlio detenuto è stata sorpresa mentre tentata di passare della droga, poi quantificata in venti grammi di cocaina, all’uomo, 45 anni e ristretto per il reato di rapina. Un apprezzamento al personale di polizia penitenziaria che, ancora una volta, con grande professionalità ed astuzia ha stroncato sul nascere l’introduzione in carcere di sostanze stupefacenti”. Conclude Maurizio Somma segretario nazionale per il Lazio del Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria

Donato Capece, segretario generale del Sappe, evidenzia che  “il primo e più rappresentativo sindacato della categoria, il Sappe, torna a richiamare l’attenzione dei vertici regionali e nazionali dell’amministrazione penitenziaria affinché vengano date risposte concrete, alla risoluzione delle problematiche in atto nel penitenziario di Velletri, anche dotando le donne e gli uomini della polizia penitenziaria, da sempre in prima linea sul fronte dell’ingresso e possesso di droga in carcere, di adeguati strumenti tecnologici di controllo”.

“Il problema dell’ingresso della droga in carcere – afferma Capece – è questione ormai sempre più frequente, a causa dei tanti tossicodipendenti ristretti nelle strutture italiane. Rispetto a tale problema bisognerebbe fare molto di più, seguendo l’esempio del carcere di Rimini, dove da tanti anni esiste un piccolo reparto, con 16 posti, dedicato a soggetti tossicodipendenti, i quali sottoscrivono con l’amministrazione un programma di recupero, impegnandosi a non assumere sostanze alternative, come il metadone, a frequentare corsi di formazione, a lavorare”.

“Superato questo percorso iniziale – conclude Capece – vengono poi destinati alla comunità esterna e quasi tutti non fanno più ritorno in carcere, riducendo la recidiva quasi a zero. Peraltro, esiste una legislazione molto favorevole che consente a coloro che hanno superato, o abbiano in corso un programma di recupero, di uscire dal carcere. Questa è la strada da seguire per togliere dal carcere i tossicodipendenti e limitare sempre di più l’ingresso di sostanze stupefacenti, unito ovviamente a tutte le attività di prevenzione, come l’utilizzo delle unità cinofile, fondamentali nel contrasto dei tentativi illeciti e fraudolenti di ingresso e smercio di droghe in carcere”.

Timbrificio Centocelle

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati