Morto D’Artagnan, il ladro di monetine di Fontana di Trevi

L'uomo è stato ritrovato senza vita nella sua casa di Tor Bella Monaca
La Redazione - 19 Dicembre 2013

Si è spento nel silenzio della sua casa a Tor Bella Monaca senza fare il suo solito clamore Roberto Cercelletta, alias D’Artagnan, conosciuto nella Capitale per i suoi furti di monetine nella Fontana di Trevi.

Il corpo dell’uomo senza vita è stato ritrovato nella mattina di mercoledì 18 dicembre dalle forze dell’ordine messe in allarme dai vicini di casa che da qualche giorno sentivano un cattivo odore provenire dall’abitazione di Cercelletta. Da quanto si apprende D’Artagnan, che aveva 61 anni, sarebbe molto per cause naturali.

roberto-cercelletta--619x376Come mostrato da un servizio denuncia della trasmissione “Le Iene” del 2011, Cercelletta si recava ogni lunedì mattina nella fontana del Bernini e con l’aiuto di alcuni complici munito di una calamita rastrellava montagne di monetine, rubando così il denaro che doveva essere consegnato alla Caritas Diocesa di Roma per aiutare il popolo dei senzatetto della Capitale.

A seguito del servizio apparso su Italia Uno la Giunta di Roma Capitale approvò una delibera che dichiara di proprietà dell’amministrazione capitolina le monete gettate nella Fontana di Trevi, così da poter arrestare D’Artagnan per furto.

Rubare le monetine non era l’unico gesto per cui era conosciuto Cercelletta, l’uomo usava procurarsi dei tagli con una lametta sulla pancia sempre immerso nella sua ‘adorarata” Fontana di Trevi ogni qual volta era intenzionato a protestare per qualcosa: dalla richiesta di un lavoro a quella di una casa popolare.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti