Museo dell’uomo di Plinio Perilli

Incontro con l’Autore e presentazione del libro domenica 20 novembre 2022 al Pentatonic
Redazione - 13 Novembre 2022

Presso l’Associazione Culturale “Villaggio Cultura – Pentatonic” in Viale Oscar Sinigaglia, 18/20 a Roma Laurentina*, domenica 20 novembre 2022, alle ore 17 incontro con Plinio Perilli e il suo libro Museo dell’uomo, Editrice Zona 2020.

Interventi musicali di Carlo Leoni (chitarra)

In conversazione con l’autore: Maurizio Lancellotti e Anna Maria Curci

 «Ho costruito questa raccolta di poesie e poemetti civili con la certezza e il bisogno di una lirica che non fosse più solo arzigogolo testuale, o performance sperimentale, ma neanche elegante avvitamento di stile, manierismo alchemico-intellettuale, esercizio postermetico o peggio smielata effusione romantica. Poesia assolutamente moderna». (Plinio Perilli)

Plinio Perilli (Roma, 1955) ha esordito nel 1982, pubblicando un poemetto sulla rivista “Alfabeta”. La sua prima raccolta è del 1989, L’Amore visto dall’alto, finalista al Premio Viareggio. Seguono i “racconti in versi” di Ragazze italiane (1990). Chiude una sorta di trilogia della Giovinezza con il volume Preghiere d’un laico (1994) che vince vari premi internazionali: il Montale, il Gozzano e il Gatto. È anche critico e saggista, curatore di molti classici, e di un’appassionata antologia interdisciplinare, Storia dell’arte italiana in poesia (1990). I Petali in luce (1998) sono un vero e proprio calendario lirico-emotivo. Dello stesso anno Melodie della Terra, vasto studio sul ’900 italiano in rapporto all’idea di Natura. Ricordiamo un intrecciato compendio sui rapporti fra il cinema e le altre arti (Costruire lo sguardo. “Storia Sinestetica del Cinema in 40 grandi registi”, 2009); e un moderno, vissuto canzoniere amoroso – quasi un romanzo in versi: Gli Amanti in Volo, 2014. Recente l’uscita dei suoi poemetti civili, raccolti nell’ampia silloge Museo dell’Uomo (2020).

 

* Ingresso con tessera ARCI 2022-2023; è possibile tesserarsi in sede.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti