Nomadi, le foto dei roghi tossici a Torrevecchia

I cittadini del quartiere: "Dal sindaco Marino, solo un vergognoso silenzio"
di Federico Carabetta - 13 Gennaio 2015

Da anni ormai continuiamo a denunciare lo strapotere dei cosiddetti nomadi e, tra l’altro, dei roghi tossici che si levano ininterrottamente dai loro insediamenti con danni incalcolabili alla salute umana e all’ambiente.

Le alte colonne di fumo venefico prodotti dal campo di via Salviati, è da evidenziare, hanno ultimamente contribuito a muovere i residenti della vasta area circostante Tor Sapienza, vessati da decenni, ad una vera sollevazione.

DSC_5421Lo stesso fenomeno, invitati da cittadini, lo abbiamo osservato e fotografato all’altro capo di Roma, a Torrevecchia ed esattamente nel sorgente quartiere di Torresina 2. Le foto sono eloquenti e mostrano quello che accade ininterrottamente ogni giorno.

L’illegalità, il degrado, lo strapotere di via Salviati, bisogna quindi concludere ed insistere nel denunciare, non è un fenomeno isolato, ma riguarda bensì un po’ tutta la periferia di Roma. Per la presenza del campo nomadi di via Cesare Lumbroso, una realtà definita scandalosa, i residenti subiscono, anche loro, un vero attentato alla salute per i roghi tossici, mentre la microcriminalità che da qui si diparte dilaga non solo nella zona ma permea tutta la città.

E qui, i residenti dell’ampia e popolosa fascia che circonda l’insediamento nomade, i cittadini ci dicono: “Dal sindaco Marino, solo un vergognoso silenzio anche di fronte alle provocazioni di foto shock pubblicate su profili facebook di giovani nomadi che ostentano banconote, armi e coltivazioni di marijuana”.

DSC_5418“Reputo l’immobilismo dell’amministrazione capitolina – aggiunge Fabrizio Santori consigliere regionale del Lazio- un tacito benestare alla situazione di illegalità foraggiata dall’impunibilità di cui gode chi vive nei campi nomadi. Marino vuole costringere gli onesti cittadini ad integrarsi con personaggi discutibili il cui stile di vita è da perseguire e condannare.

Cosa altro deve succedere per intervenire con lo sgombero del campo già recentemente protagonista dell’aggressione da parte di rom ad alcuni studenti della zona? Il sindaco chieda immediatamente l’intervento del Prefetto e del Questore per verificare la veridicità delle foto e dei  fatti contenuti sui profili facebook incriminati. Serve un’azione forte per ripristinare la legalità in un territorio completamente abbandonato dalle istituzioni e di difficile controllo da parte delle Forze dell’Ordine” .


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti