Ostia, sgomberato l’hotel Kursaal

Nella struttura occupata dal 2009 erano presenti 8 nuclei familiari. Sabella:"Continuiamo il percorso di ripristino delle regole e della legalità sul litorale”
Redazione - 19 Giugno 2015

Sono state sgomberate, giovedì 18 giugno, le due palazzine che compongono l’hotel Kursaal di Ostia. Grazie all’intervento degli agenti della Polizia Locale di Roma Capitale, dello Spe e del X Gruppo Mare è stato possibile far uscire dalla struttura gli otto nuclei familiari, circa 27 persone di varie nazionalità tra cui 3 minori, che la occupavano da parecchi anni.

Infatti, la sorte avversa dell’hotel Kursaal – uno dei più famosi del litorale romano – è cominciata da quando nel 2009 stipulò una convenzione con il Comune di Roma per ospitare per un periodo di tempo le persone colpite dall’alluvione all’Idroscalo di Ostia. Purtroppo, però, queste persone al termine dell’accordo non abbandonarono la struttura, ma decisero anzi di occuparla.

HOTEL KURSAAL-3L’ordinanza di sgombero eseguita era stata firmata dal sindaco Alemanno nel 2012. Sembra che i tentativi di resistenza degli occupanti siano stati minimi ed a tutti è stato offerto un alloggio.

“Voglio ringraziare – ha affermato l’assessore alla Legalità e Trasparenza di Roma Capitale Alfonso Sabella – i dirigenti del Municipio X e in particolare Gabriella Saracino, dirigente delle politiche sociali, per il loro prezioso lavoro, il personale della Sala Operativa di Roma Capitale e dei servizi sociali, le forze dell’ordine e gli agenti della Polizia Locale, per l’impegno e la professionalità con cui hanno portato avanti le operazioni di sgombero dell’hotel Kursaal di Ostia, senza incidenti e tensioni.

Un’operazione che gli abitanti del Municipio X aspettavano da tempo e che finalmente consente di mettere un punto a una storia di forte disagio e illegalità che durava da anni. Gli uffici stanno seguendo con molta attenzione gli interventi, fornendo assistenza a tutti gli occupanti. Continuiamo quindi il percorso di ripristino delle regole e della legalità sul litorale”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti