Paolo Ricciardi, romano e sacerdote diocesano, sarà ordinato Vescovo Ausiliare il 13 gennaio

Da dicembre la Diocesi di Roma ha acquisito due nuovi Vescovi Ausiliari, la cui Ordinazione avverrà presso la Basilica di S. Giovanni in Laterano
Maurizio Martinelli - 8 Gennaio 2018

Papa Francesco ha scelto il gesuita Daniele Libanori che si occuperà di clero e diaconi permanenti e il parroco Paolo Ricciardi con delega per la “Pastorale della Salute”, cioè per sostenere e coordinare il ministero di tanti sacerdoti, diaconi, religiosi, religiose e laici a servizio dei malati, nella nostra città di Roma.
Don Paolo Ricciardi è nato a Roma il 14 marzo 1968. Entrato nel Pontificio Seminario Romano Maggiore, è stato ordinato presbitero il 2 maggio 1993 per la diocesi di Roma. Ha conseguito la Licenza in Teologia Biblica presso la Pontificia Università Gregoriana. Ha svolto i seguenti ministeri: assistente del Pontificio Seminario Romano maggiore dal 1993 al 1998; viceparroco della parrocchia Nostra Signora di Guadalupe a Monte Mario dal 1998 al 2003; addetto dell’Ufficio Catechistico e del Servizio per il Catecumenato del Vicariato di Roma dal 2001 al 2003; rappresentante del Settore Ovest nel Consiglio Presbiterale Diocesano dal 2001 al 2007; parroco della parrocchia Santa Silvia dal 2003 al 2015; segretario del Consiglio Presbiterale dal 2011 al 2015. Dal 2012 è membro del Collegio dei Consultori e dal 2015 è parroco della Parrocchia San Carlo da Sezze ad Acilia,  coadiuvato da Don Simone Giovannella nella gestione del Centro di Formazione Giovanile Madonna di Loreto “Casa della Pace”, giunto al 40 anno di formazione umana e spirituale.

Le molte famiglie della Comunità ed i fedeli laici di S. Carlo da Sezze sono entusiasti e allo stesso tempo scossi di dover lasciare un Pastore “che ha l’odore del gregge”, ovvero una persona umile ed accogliente, tenero e determinato, così come lo è stato il fondatore, don Mario Torregrossa, ritornato al Padre nel dicembre 2008.
Don Paolo, come delegato alla Pastorale Sanitaria della Diocesi, si è subito rimboccato le mani e già da questo Natale i pazienti ricoverati negli Ospedali romani hanno cominciato a conoscerlo, e per coloro che sono nella prova della sofferenza, il Vescovo Ausiliare ha scritto un Messaggio di cui si riporta un estratto:
“Il dolore non chiede spiegazioni, ma vuole condivisione; non domanda motivazioni, cerca partecipazione. (…) Spero che vicino a voi ci siano persone che vi offrono il loro amore. A volte proprio nell’ambiente di un ospedale o di una clinica possiamo conoscere qualcuno che ci stupisce in generosità e capacità di relazione. A volte nel tempo della malattia si riscopre ciò che è veramente essenziale e si torna ai valori fondamentali. È vero… noi vorremmo un Dio che ci tolga la sofferenza, mentre Lui ha scelto di condividerla con noi, di entrarci dentro, di portare con noi e per noi la croce, per darci forza nelle nostre debolezze. E per aiutarci ad intravedere, oltre il buio del dolore, la Luce dell’amore.”

La versione integrale del Messaggio è possibile leggerla cliccando su questo link.

Gli appuntamenti in programma proseguiranno domenica 14 gennaio alle 11:30, in cui il Vescovo Ricciardi presiederà la Prima Messa Solenne nella Parrocchia S. Carlo da Sezze e la successiva domenica 21 gennaio alle 11:30 presiederà la Messa nella sua parrocchia di origine di Santa Caterina da Siena in via Populonia 44.

Maurizio Martinelli


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti