Parte NonSoloPuntaPerotti 3

Intervista al Presidente di Giuria Marcello Saponaro
di Letizia Palmisano - 6 Ottobre 2008

Due delle foto vincitrici dell’edizione precedente 1- Una funivia abbandonata. Monte Sighignola, Lanzo d’Intelvi – CO. 2- Un casinò municipale. Campione di Italia – CO.

È partita dal primo di ottobre la terza edizione di NonSoloPuntaPerotti, concorso nato per denunciare gli Ecomostri, quest’anno non più solo lombardi ma nazionali. Ci dica di cosa di tratta.

NonSoloPuntaPerotti è il concorso fotografico che va a caccia di brutture architettoniche e scempi paesaggistici per l’Italia. Partecipare è semplice: per essere un "cacciatore" di ecomostri non servono grandi attrezzature, basta un po’ di spirito di osservazione e un cellulare con cui fotografare il tuo ecomostro. Infatti l’immagine deve essere scattata con il telefonino e spedita entro il 28 febbraio 2009 a concorso@nonsolopuntaperotti.it.

Francesco FIGLIOMENI elezioni comune di Roma 2021

Come nasce il concorso e con quali obiettivi

Il concorso nasce con l’intenzione di richiamare l’attenzione e l’intervento delle amministrazioni, dare ai cittadini uno spazio di denuncia ma anche e forse soprattutto cercare di aumentare la coscienza civile delle persone. NonSoloPuntaPerotti è rivolto particolarmente ai giovani con l’intento di convolgerli in un’azione pedagogica al rovescio: mediante il concorso e le foto vogliamo insegnare a geometri, architetti, assessori e funzionari pubblici cosa non si deve costruire.

Siete alla terza edizione, da quest’anno non più solo lombarda ma nazionale. Quali risultati avete ottenuto fino ad ora?

NonSoloPuntaPerotti, sin dalla prima edizione, si è rivelato un ottimo strumento di denuncia di ciò che deturpa il capitale naturale e ha fatto sì che i media ed i cittadini ne parlino sempre di più e sempre di più ne siano scandalizzati e risveglia l’indignazione. E questo ha fatto sì che negli anni la giuria si sia arricchita di persone illustri che, con la loro presenza, hanno voluto dare un segno di adesione alla nostra campagna. Quest’anno, come l’anno scorso sarà presente il professore universitario di estetica Stefano Zecchi, il presidente dei VAS Guido Pollice, il fotoreporter Uliano Lucas e tanti altri esperti della natura e del bello (http://www.nonsolopuntaperotti.it/giuria.php). Quest’anno, inoltre, abbiamo il patrocinio “morale” del Ministero dell’Ambiente.

E per quel che riguarda la partecipazione da parte dei cittadini?

Gli ecomostri e le deturpazioni del paesaggio segnalati fino ad ora sono tantissimi, costituenti tutti un’offesa alla natura e all’occhio di chi è costretto a sbattere la visuale contro tali scempi. Spesso sono costruzioni presenti da anni, da decenni, e il rischio più grande è quello di diventare indifferenti nel senso di rassegnarsi alla presenza. NonSoloPuntaPerotti rema invece contro questo lassismo, segnalando che qualcosa non solo si può ma si deve fare: abbattere tali brutture ma ancor prima imparare a non ripetere tali errori. E per avere un’idea di ciò che non si deve fare ogni anno abbiamo conservato sul sito (http://www.nonsolopuntaperotti.it/) le foto dei concorsi precedenti, come una “galleria degli orrori”. Ma per noi questo più che un concorso è un “anticoncorso” e vorremmo che negli anni ci fossero sempre meno situazioni da segnalare.

Adotta Abitare A

Ci sono stati provvedimenti da parte delle amministrazioni dopo le segnalazioni degli ecomostri tramite il concorso?

Si, per fortuna. Ovviamente non è merito solo nostro ma due ecomostri sono stati abbattuti: il primo è un ex cinema porno a Zingonia (BG), il secondo è uno degli emblemi dello spreco, l’hotel dei mondiali di calcio a San Giuliano Milanese (MI) che non fu mai terminato. A dimostrazione che bisogna stare attenti a non ripetere gli stessi errori anche con l’Expo 2015.

Pubblicità elettorale 2021 amministrative Roma

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti