Pattinaggio artistico a Colli Aniene

Presso il Centro S. Cuore di via G.B. Bardanzellu, gli allenamenti di Pattinaggio Artistico dell'A.S.D. Ascor ’94
di Vincenzo Pasetti - 11 Novembre 2007

“Pattinare è come volare sospinti dal vento; provare per credere”, è la significativa e veloce risposta dataci da un giovane pattinatore durante l’allenamento. A Colli Aniene, presso il Centro S. Cuore di via G.B. Bardanzellu n.83, abbiamo assistito agli allenamenti di Pattinaggio Artistico gestiti dalla A.S.D. Ascor ’94; molti ragazzi/e erano intenti alle lezioni impartite da qualificate istruttrici che ci hanno fornito chiarimenti sulla disciplina in questione.

 La scuola di pattinaggio operante da oltre 15 anni a Colli Aniene, è aperta a tutte le fasce d’età. La responsabile Prof.ssa Marina Gargiulo ci ha dichiarato “che non si tratta soltanto di un gioco ma di vera danza coreografica abbinata a tecniche specifiche. Inoltre, lo stesso sport prevede l’utilizzo di tutti i muscoli del corpo correggendone la postura e stimolando con la musica ritmo e coreografia dei movimenti”. Gli scritti ai corsi sono un centinaio e svolgono gli allenamenti, suddivisi per livelli, su due piste di pattinaggio.

Non solo scuola – allenamento ma c’è anche la partecipazione alle manifestazioni organizzate dalla F.I.H.P. (Fed. Italiana Hockey e Pattinaggio) e dalla UISP. I corsi specifici sono tenuti da allenatrici qualificate – M. Gargiulo, I. Giugliarelli ed F. Borzi – che concordano affermando unanimi “non soltanto nell’agonismo che si opera quanto sui momenti di aggregazione e di incontro, offrendo a tutti la possibilità di misurarsi, confrontarsi e crescere stimolando la creatività degli atleti potenziandone le abilità”.

I successi ottenuti nell’ultima gestione sono da ritenersi validi: vittoria del trofeo pattini d’argento UISP (con 4 primi posti) e due primi posti nel trofeo del Millennio F.I.H.P. Il corso prevede due saggi – spettacolo a Natale ed alla fine dell’anno sportivo in collaborazione con altre discipline sportive come il karate, sport diverso dal pattinaggio ma capace di fondersi armonicamente.

Auspichiamo che le notizie sui risultati conseguiti in campo internazionale dagli atleti italiani contribuiscano a far meglio conoscere la validità e l’importanza della disciplina trattata incentivando così una maggiore partecipazione. Il pattinaggio a rotelle è una tradizione ancora molto diffusa in Italia, rispetto ad altri paesi del mondo dove si pratica quasi esclusivamente il pattinaggio su ghiaccio. Moltissimi allenatori italiani vengono chiamati ad allenare atleti di altri paesi e questo ci rende orgogliosi nell’aver affinato una tecnica tutta nostra. Grandissimi risultati a livello mondiale l’Italia li ha ottenuti anche con la specialità singolo femminile e maschile con i campioni del mondo in carica Luca D’Alisera e Tania Romano

La Sposa di Maria Pia

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti