Municipi: ,

Quei 54 miliardi di contributi non versati all’Inps – Incauto Nardella – Finalmente Salvatore Girone – “Italiae gratias” del cardinale Bagnasco – Successioni – Quei ciucci della Rai

Fatti e misfatti di maggio 2016

Quei 54 miliardi di contributi non versati all’Inps

“La profonda voragine dell’Inps – ha ribadito il suo presidente, Tito Boeri – è ormai arrivata a 56 miliardi”.

Quello che inquieta di più, comunque, è che, di quei 56 miliardi, 54 sono dovuti al mancato versamento dei contributi dei propri dipendenti da parte di Regioni, Comuni ed Enti pubblici vari. Dice: ma il mancato versamento dei contributi dei propri dipendenti non costituisce reato da punirsi duramente in sede civile e fino a due anni in sede penale? Certo. Ma per i privati mica, evidentemente, per Regioni, Comuni ed Enti pubblici vari. I quali, così, hanno continuato e continuano a delinquere in tutta sicurezza e tranquillità. Protetti, vergognosamente, dallo Stato. Dalla Magistratura contabile e non contabile e dai vari Governi i quali non se la sentono di mettere il dito nella piaga e crearsi tanti nemici politici. Tanto, poi, c’è sempre pronta la soluzione più cinica e vigliacca: bloccare gli adeguamenti delle pensioni dei “poveri Cristi”, lasciare le minime a livelli di fame, imporre contributi di solidarietà, costringere a lavorare fino a settant’anni e altre porcherie di questo genere già allo studio. “L’Italia – ha scolpito, all’articolo 1, la Carta costituzionale – è una Repubblica fondata sul lavoro…” Ma oggi, con gli alti livelli di disoccupazione, nemmeno tanto. E nemmeno tanto, ancor più, fondata sui contributi delle sue Istituzioni. Veramente scandaloso.

Incauto Nardella

“Chi ha sbagliato – ha garantito, a proposito della incredibile voragine apertasi in Lungarno Torrigiani, il sindaco di Firenze, Dario Nardella – dovrà pagare”.

Giusto quanto ovvio. Ma, forse, il sindaco Dario Nardella potrebbe non essersi reso conto, in un momento tanto concitato, delle parole pronunciate. Perché chi ha sbagliato è stata sicuramente la  “Publiacqua”, la più grande azienda idrica toscana, che ha come soci 46 Comuni tutti pd e, dal 2006, anche soci privati fra i quali, con il 40% del capitale sociale, il dimostratori non puro e potabile Monte dei Paschi di Siena. Che poi, il 4 maggio scorso, ha approvato dividendi, a tutti quei suoi soci, per ben 18 milioni e mezzo. E che infine, da anni, è uno dei più accoglienti “poltronifici” fiorentini  dove far accomodare amici e sostenitori di Matteo Renzi. Da Erasmo D’Angelis, ad esempio, a Maria Elena Boschi ante ministro. Senza dimenticare, fra i maggiori, quel Filippo Vannoni il quale, oltre che presiedere  “Publiacqua”, fa, come suo attuale secondo lavoro, il consulente a Palazzo Chigi. Una “Publiacqua”, insomma, sotto il segno del capricorno Matteo. E dunque, in barba ai suoi ormai fragili tubi di ghisa, in una sempre più solida botte di ferro. Dall’interno della quale, perciò, sarà difficilmente costretta a pagare. Pagherà, tutt’al più, qualche tecnico di “terza fascia”. Magari “fassiniano” o “bersaniano”. “Maremma incauta Nardella”.

Finalmente Salvatore Girone

Marò“L’India – a sorpresa – ha dato il via libera immediato al ritorno in Italia, nell’attesa delle ulteriori decisioni del Tribunale dell’Aja, del nostro marò Salvatore Girone”.

“Sarà con noi – ha fatto sapere il “premier” Renzi – il 2 giugno”. L’augurio è che il “premier” Renzi non voglia esibirlo, il giorno della “Festa della Repubblica” e tre giorni prima delle amministrative parziali, come un suo personale trofeo.

“Italiae gratias” del cardinale Bagnasco

“Il cardinale Angelo Bagnasco – per i tre anni di cappellano militare nell’esercito – percepisce, dall’Italia, una pensione mensile di 4 mila euro”.

Italiae, più che Deo, gratias.
(** rettifica tra i commenti)

Successioni

“Sono portato a scegliere come mio successore – ha detto Silvio Berlusconi nella trasmissione “Porta a porta” – un uomo che venga dalla trincea del lavoro. Perché chi fa politica sa soltanto comunicare”.

Un uomo, perciò, che non ami le “veline” per comunicare. Per comunicare, magari, in tutti i sensi. Bravo Silvio. Caduto, evidentemente, da cavallo. E non su una “velina”.

Quei ciucci della Rai

“Lunedi scorso all’ “Eredità” su Rai 1. Domanda: “Qual è il capoluogo del  Friuli Venezia Giulia?” Risposta del concorrente: “Gorizia”. Ok del “cervellone” che regola il gioco e di Fabrizio Frizzi che lo conduce”.

Ora, come sanno anche i bambini delle elementari, il capoluogo del Friuli Venezia Giulia è invece Trieste. C’è comunque da sperare che, dopo quest’ultima testimonianza di somaraggine, la televisione pubblica si decida a mettere in bilancio il costo di corsi serali per certi, troppi, suoi dipendenti vergognosamente ciucci.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Un commento su “Quei 54 miliardi di contributi non versati all’Inps – Incauto Nardella – Finalmente Salvatore Girone – “Italiae gratias” del cardinale Bagnasco – Successioni – Quei ciucci della Rai

  1. **Povero cardinal Bagnasco

    “Ciro Verrati – presidente di “Laicitalia” e vicesegretario nazionale di “Democrazia atea” – aveva fatto passare per Vangelo autentico quel suo “In verità, in verità vi dico che il cardinal Bagnasco percepisce, dallo Stato italiano, una pensione d’oro di 4 mila euro al mese”.

    Vangelo rivelatosi, invece, apocrifo. Perché, come sottoscritto nel suo “740”, le entrate del cardinal Bagnasco sono risultate di appena 29.822 euro lordi annui. Alleluia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati