QuinteScienza 2021 al via nel Teatro del Lido di Ostia

Dall’8 al 30 maggio gli appuntamenti dedicati all’ambiente
Laura Politi - 14 Maggio 2021

Dopo il debutto avvenuto nell’estate del 2020, prende il via la seconda edizione di QuinteScienza, manifestazione che nel 2021 ha come filo conduttore tematiche legate all’ambiente. Da sabato 8 fino a domenica 30 maggio, il Teatro del Lido di Ostia accoglie un percorso di divulgazione scientifica volto a sensibilizzare sul tema le nuove generazioni, ma fruibile da tutti e da cui tutti possono apprendere.

In un momento storico in cui per cause di forza maggiore il Covid-19 ha monopolizzato il palinsesto informativo, non possiamo dimenticare i problemi ma anche le meraviglie dell’ambiente in cui viviamo, e l’iter multidisciplinare di QuinteScienza si impegna a tal proposito. Presentato dall’Associazione Culturale Affabulazione, il progetto, promosso da Roma Culture e realizzato in collaborazione con SIAE, è risultato vincitore del bando “Eureka! Roma 2020-2021-2022”.

Il percorso di approfondimento scientifico prevede spettacoli teatrali, conferenze e lezioni interattive che si tengono presso la sala interna del Teatro del Lido romano. La manifestazione ha preso il via con “Va tutto bene – Everything is fine”, conferenza-spettacolo che con l’arma della satira vuole generare consapevolezza sui cambiamenti climatici.

La seconda tappa è in programma sabato 15 maggio. “La protezione delle coste” affronta con la relatrice e geologa Daniela Maria Rosa Taliana i fenomeni di erosione e i metodi per la ricerca di sabbie, oltre alla protezione attuabile in difesa del litorale romano.

La parola passa poi ad “Habitat naturale”, lo spettacolo del Gruppo Teatro Campestre in scena il 16 maggio. Il pubblico viene trasportato in un intenso viaggio alla scoperta dei meccanismi biologici che guidano le migrazioni degli animali.

Il viaggio continua oltre i confini della Terra. La conferenza-spettacolo “Un Due Tre… Stella!”, prevista per il 22 di maggio, apre le porte dell’Universo per raccontare gli eventi prodigiosi che si verificano in uno spazio spesso percipito come statico e immutabile, ma che ospita invece meraviglie quali la nascita di una stella.

Lo spazio interpreta un ruolo da protagonista anche il 23 maggio in “Innumerevoli soli, infinite terre”. In questa conferenza a carattere divulgativo sull’astronomia, lo spettatore ha l’occasione di immergersi in un’indagine che da sempre solletica l’interesse dell’intelletto umano: la ricerca di nuovi mondi al di fuori del nostro Sistema solare e di vita extraterrestre.

Centro Commerciale Primavera Saldi 2023

Dopo l’immersione nei prodigi e nei misteri dell’universo, il pubblico torna sulla Terra. Arditodesìo è la compagnia dietro le ultime due attività che chiudono questa edizione di QuinteScienza. “Il rischio era quello di perdere l’intelletto, la salute, la vita” è in programma il 29 maggio e ripercorre una storia tristemente vera. Lo spettacolo teatrale racconta la vicenda della SLOI, la società che produceva piombo tetraetile, un composto chimico rivelatosi nocivo. Quest’ultimo uccide molti operai, oltre a lasciare segni indelebili nella salute degli altri e nell’ambiente.

A chiudere il cerchio, il 30 maggio, c’è “La bellezza computazionale della natura”, una lezione che guida nelle sfumature del rapporto esistente tra la cooperazione degli esseri viventi e i sistemi informatici.

Tutte le attività sono a ingresso gratuito, con prenotazione obbligatoria. I biglietti sono disponibili sul circuito Eventbrite. Maggiori informazioni sulla pagina dell’Ass, Affabulazione, oltre che sulle pagine Facebook e Instagram di QuinteScienza.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti