Quinto Orazio Flacco. Annali delle edizioni a stampa

La presentazione del libro martedì 5 marzo 2019, alle ore 16.00 Presso la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma, Sala 1
Redazione - 4 Marzo 2019

Martedì 5 marzo 2019, alle ore 16.00 in viale Castro Pretorio 105 presso la Biblioteca Nazionale Centraòe Sala 1, presentazione di Quinto Orazio Flacco, Annali delle edizioni a stampa (secoli XV-XVIII), 2 voll., Edizioni Droz, Ginevra, Collana: Travaux d’Humanisme et Renaissance, 2017.

Saluti e interventi

Andrea De Pasquale, Direttore della Biblioteca Nazionale Centrale di Roma

L. Rino Caputo, Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Alberto Petrucciani, Università degli Studi di Roma Sapienza

Paolo Marpicati, Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Relazione dell’Autore-Curatore del volume

Antonio Iurilli, Università degli Studi di Palermo

Conduce

Angelo Favaro, Università degli Studi di Roma Tor Vergata

«Nous ne voulons pas entrer dans de nouveaux détails bibliographiques sur les innombrables éditions consacrées par l’admiration des siècles au grand poëte, ami d’Auguste. Notre savant ami, M. Paul Lacroix, prépare d’ailleurs une Bibliographie horatienne, devant laquelle nous faisons comme Horace à Philippes, nous jetons nos armes.» (P.Ch.E. Deschamps–G. Brunet, Manuel du libraire et de l’amateur de livres, Paris, 1878, p. 653). A questa resa inaspettata di due grandi bibliofili dell’Ottocento e alle insidie, da loro temute, dello sterminato esercito di edizioni oraziane, questo libro tenta di opporre i frutti di una laboriosa ricerca sulla fortuna editoriale di un auctor fra i più pubblicati in tutti i tempi e in tutte le culture. Attraverso il censimento di oltre duemilatrecento edizioni e con l’ausilio di nove indici (due dei quali biografici), che identificano duecentotrentatre commentari, quattrocentoquarantacinque traduttori, ventinove compositori musicali, ottantanove incisori, oltre millecinqucento tipografi/editori, la storia della fortuna di Quinto Orazio Flacco nelle civiltà letterarie moderne si misura con la storia del libro antico in una prospettiva di indagine che mira a intrecciare la storia delle forme letterarie (ma anche figurative e musicali) con l’iniziativa editoriale. Proprio nell’officina del tipografo o nella strategia commerciale dell’editore, l’Orazio dei filologi, dei traduttori, dei parodisti, dei moralizzatori, dei musicisti, degli artisti manifesta i segni di un riuso che va oltre, in forme talvolta suggestivamente imprevedibili, gli esiti canonici della intertestualità.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti