Solo adesso – Quando da ignoti a noti? – Matteo “er più” – Segnali – Le armi come elettrodomestici

Fatti e misfatti di agosto 2016
Mario Relandini - 31 Agosto 2016

Solo adesso

“Soltanto ora – dopo un terremoto che ha causato la morte di quasi 300 persone e la distruzione di intere cittadine – si sta scoprendo che molti dei finanziamenti anti-sisma a suo tempo stanziati sono misteriosamente spariti, che molti lavori di messa in sicurezza non sono stati eseguiti o sono stati mal eseguiti, che molte ristrutturazioni sono state affidate ad una ditta senza certificazione antimafia, che in molti casi si è utilizzato cemento povero e poco ferro, che molti collaudi hanno certificato il falso”.

Disgraziato il Paese che, per individuare la faglia tra buona amministrazione e malaffare, debba attendere un terremoto e scavare sotto le sue macerie. Disgraziata e povera Italia.

Quando da ignoti a noti?

“La Procura di Rieti – intanto – sta continuando ad indagare, per il momento, sul reato di solo disastro colposo e ancora a carico di ignoti”.

L’augurio è che gli ignoti possano presto diventare noti. Fatto che, sulla base di quanto già emerso, non dovrebbe essere impossibile. Ma l’augurio, soprattutto, è che non finisca come sta finendo a L’Aquila. Con mille ritardi nell’accertamento dei fatti e dei loro responsabili, con mille rinvii giudiziari e con poche e miti sentenze di colpevolezza. Per rispetto, almeno, dei tanti innocenti che hanno perso la vita.

Matteo “er più”

“Il “Telegiornale su Rai 1 – ieri sera alle 20 – ha concesso, nel “servizio” sui funerali di Stato ad Amatrice – una decina di secondi all’immagine del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e una decina di minuti al video e all’audio del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi”.

Timbrificio Centocelle

Beh, che c’è? La Rai è renziana, mica mattarelliana.

Segnali 

“Un radiotelescopio – in Russia – ha captato un segnale proveniente da un stella, lontana 95 anni-luce, nella “Costellazione Ercole””.

Segnale per ora misterioso. Quando sarà decriptato, magari, rivelerà questo messaggio: “Cari fratelli terrestri, fate i bravi altrimenti ci toccherà venire lì a sculacciarvi”.

Le armi come elettrodomestici

“Chi,io? – diceva in giro, ad Ascoli Piceno, l’intraprendente Franco Giorgi – Sono un modesto rappresentante di elettrodomestici”.

Ma un modesto rappresentante di elettrodomestici è normale venda, a pacifiche casalinghe, missili anticarro, pistole calibro 9,45, fucili mitragliatori da cecchino, munizioni varie, giubotti antiproiettile e puntatori laser? Non è normale. E, infatti, le indagini su Franco Giorgi hanno portato alla scoperta che lui, altro che lavastoviglie e cucine a gas, vendeva armi ai fratelli libici “Alarbi el Tumi”, emissari di quella “Brigata di Zintan” che non riconosce il Governo di unità nazionale di Tripoli. Di qui, dunque, il mandato di cattura internazionale. Sperando di farlo prigioniero tra una improbabile lavatrice e un sicurissimo carro armato.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti