Roberto Pagan, poeta in triestino, alla Casa del Ricordo

Ha letto e commentato con successo la sua ultima raccolta di poesie in dialetto "Chissà se ancora", edita da Cofine

Ieri, 18 dicembre 2023, alla Casa del Ricordo in via di San Teodoro 72, incontro col poeta in italiano e in dialetto triestino Roberto Pagan di 89 anni che ha letto e commentato la sua ultima raccolta di poesie in dialetto triestino “Chissà se ancora”, edita da Cofine di Vincenzo Luciani.

Ha presentato e moderato la serata, con il consueto garbo, Marino Micich direttore dell’Archivio Museo storico di Fiume.

Hanno portato i saluti Donatella Schurzel, presidente Anvgd di Roma e Carlo Leopoldi presidente Associazione triestini e goriziani a Roma.

L’intervento del critico Maurizio Rossi ha ben introdotto la poesia di Roberto Pagan, mettendone in rilievo alcuni versi che dietro a una velata ironia, rimandano a un profondo sentire la vita.

Luciani ha posto in rilievo l’opera pubblicata di Pagan e ha posto l’accento sul valore della poesia vernacolare, un bene da conoscere e tutelare. Luciani anche lui, oltre che editore è poeta, e grande promotore di iniziative letterarie non solo a Roma ma anche sul territorio nazionale.

Tra i presenti Roberto Sancin, attualmente consigliere dell’ Associazione Giuliani nel mondo dopo essere stato per anni presidente dell’ Ass. triestini e goriziani a Roma, Lorenzo Salimbeni responsabile per la comunicazione Anvgd e la presidente del Rotary club di Roma sud Graziella Carassi.

Protagonista assoluto della serata, Pagan che ha declamato, seguitissimo dall’attento pubblico, in maniera davvero efficace, alcune delle poesie del suo libro che ripercorre le principali tappe della storia del nostro paese e la sua personale, dall’infanzia a Trieste e nel Friuli dove da grande ha iniziato la sua carriera di insegnante a Roma, città in cui ha proseguito la sua attività e in  cui vive da moltissimi anni. I partecipanti hanno sottolineato la sua calda, deliziosa lettura.

Un commento su “Roberto Pagan, poeta in triestino, alla Casa del Ricordo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati