Rogo di via Collatina Vecchia. Il comunicato della Presidente del IV municipio Roberta Della Casa

Redazione - 26 Aprile 2019

Riceviamo e pubblichiamo il seguente comunicato della Presidente del IV municipio Roberta Della Casa.

“In questo Municipio abbiamo intrapreso da mesi attività di contrasto agli insediamenti abusivi, al traffico illecito di rifiuti e ai roghi tossici. Sono almeno 6 le baraccopoli abbattute dall’inizio del 2019 con relativo sequestro giudiziario delle aree, molte delle quali sono private per cui abbiamo intimato il ripristino dei luoghi.

In Via Collatina Vecchia siamo intervenuti il 6 febbraio sgombrando, nel rispetto dei diritti umani, l’insediamento e inibendo l’accesso all’area con alcuni new jersey. Abbiamo avviato le verifiche di routine propedeutiche allo smaltimento di rifiuti e a marzo, il comune di Roma ha stanziato tutti i fondi necessari ad Ama per l’intervento che quindi si sarebbe concretizzato a breve.

Purtroppo continuano gli attacchi criminali nei confronti della nostra Amministrazione ma soprattutto a danno di tutti i cittadini e dell’ambiente; voglio ricordare che i rifiuti, una volta bruciati, diventano speciali e valgono almeno il doppio dei denari, questo intervento sarebbe costato circa 180mila euro, fatevi il conto. Tutti soldi tolti ai servizi, tutti soldi dei cittadini romani!

Negli ultimi mesi nel IV Municipio gli incendi sono quadruplicati e di sicuro non si tratta di autocombustione; sono tutti dolosi!

Con grande fatica, in questo territorio, stiamo lavorando per il riscatto della periferia: ristrutturazione di mercati, manutenzione di strade e scuole, creazione di giardini, apertura di Biblioteche e Ville storiche e soprattutto implementando i servizi sociali ma questo non ve lo racconteranno mai.

La Mafia, di questo si tratta, non si arrende e pretende di imporsi con i suoi sistemi.

Noi non abbiamo paura! Noi non ci arrendiamo!

Ringrazio tutti gli uomini dei VVFF, della Polizia Locale e della Protezione Civile che da questa notte stanno lavorando sul rogo.”


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti